6 dicembre 2016

Superstock 1000 FIM Cup – Aprilia campione del mondo

L’ultima gara della Superstock 1000 FIM Cup ha regalato ad Aprilia e a Lorenzo Savadori una meritata vittoria di campionato, maturata dopo 4 primi posti e tre podi su otto appuntamenti. Il pilota del Team Nuova M2 ha messo in pista freddezza e grande controllo, evitando rischi inutili su una pista insidiosa e laureandosi campione con 22 punti di vantaggio sul più diretto inseguitore.
Grazie anche al secondo posto ottenuto oggi da Kevin Calia, Aprilia domina anche tra le marche facendo suo il titolo Costruttori con 176 punti: 34 di vantaggio su BMW, 39 su Ducati, 64 su Yamaha e 118 su Kawasaki.

Sono state due gare Superbike impegnative per l’Aprilia Racing Team – Red Devils in terra francese. Leon Haslam ha chiuso al quinto posto Gara2, mentre ha finito Gara1 sedicesimo, dopo una sosta ai box.
Gara1 è partita senza pioggia ma con pista molto umida, condizione che ha portato tutti i piloti in griglia a scegliere le gomme da bagnato. Partito bene dalla prima casella in griglia, Leon Haslam si è mantenuto nel gruppo di testa per alcuni giri prima di perdere terreno a causa dello scarso feeling in sella. In Gara2 invece il pilota inglese ha lottato senza esclusione di colpi rimanendo a ridosso del podio, attestandosi nel finale in quinta posizione. La rimonta di Jordi Torres, che partiva dalla quarta fila, si è fermata all’ottavo posto in Gara2. Sul bagnato di Gara1, il pilota spagnolo, alla stagione di debutto in SBK, ha patito l’inesperienza in queste condizioni concludendo dodicesimo.

Leon Haslam: “Oggi qualcosa non è andato per il verso giusto. I ragazzi tra Gara1 e Gara2 hanno cambiato tutto ma abbiamo avuto gli stessi problemi. Sono deluso perché dopo le prove e la pole position ero convinto di poter fare bene, nelle prime fasi di gara sono anche riuscito a lottare ma giro dopo giro diventava sempre più difficile. Un quinto posto non è sicuramente il risultato che ci meritavamo oggi”.

Jordi Torres: “In Gara2 ho fatto un po’ fatica a riprendere il ritmo sull’asciutto, dopo tanti giri fatti con pista bagnata. Nella prima fase non riuscivo a ripetere i tempi di ieri mattina, mentre nel finale il passo era quello giusto e sono riuscito a recuperare posizioni. In Gara1 semplicemente mi è mancata l’esperienza, su una pista nuova e sul bagnato. Sono condizioni in cui bisogna prendere qualche rischio, la moto si muove molto e bisogna avere la massima fiducia”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5959 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.