3 dicembre 2016

Roma – Cinque nuovi treni per il Leonardo Express

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, l’Amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Italiane, Michele Mario Elia, l’Ad di Trenitalia, Vincenzo Soprano, l’Ad di Adr Lorenzo Lo Presti e l’assessore regionale alle Politiche del Territorio, alla Mobilità e ai Rifiuti, Michele Civita, hanno presentato alla stazione Termini uno dei 5 nuovi treni “Jazz” in esercizio sulla linea “Leonardo Express”, il collegamento no-stop verso l’aeroporto intercontinentale di Fiumicino.
I nuovissimi treni “Jazz” sono tra gli ultimi arrivi della flotta per i treni regionali acquistata con il contributo della Regione Lazio nell’ambito del contratto di servizio con Trenitalia. Dallo scorso mese di luglio sono 5 i nuovi convogli Jazz dedicati al collegamento aeroportuale. Si tratta di un ulteriore tassello della strategia promossa dalla Giunta Zingaretti con l’obiettivo di migliorare e rinnovare il materiale rotabile utilizzato per i collegamenti da e verso il principale scalo aeroportuale del Paese. Già nello scorso mese di dicembre i collegamenti giornalieri sono passati dai 70 al giorno (35 per direzione) agli 88 al giorno (44 per direzione), incrementando del 26% l’offerta passando da 42.000 a 53.000 posti a disposizione; dallo scorso mese di luglio 2015, inoltre, i treni no-stop da Roma a Fiumicino sono passati da 88 a 110 convogli al giorno, con un aumento del 25% dell’offerta ovvero da 53.000 a 66.000 posti al giorno a disposizione. Si tratta, inoltre, di un’importante risposta alle esigenze dei pendolari e dei lavoratori che viaggiano verso Fiumicino sulla FL1, tratta utilizzata dai turisti e dai viaggiatori diretti all’aeroporto che affollano i treni utilizzati da diverse tipologie di utenti. L’obiettivo è quello di potenziare ulteriormente il servizio Leonardo express e per questa ragione la Regione e Trenitalia stanno verificando e valutando un eventuale aumento dell’offerta.

Nel corso dell’ultimo triennio 2013-2015 la Regione Lazio, insieme a Trenitalia, hanno riprogrammato il servizio ferroviario d’interesse regionale, aumentando l’efficienza, il comfort di viaggio e rinnovando la flotta dei treni.

La nuova offerta ferroviaria della Regione Lazio tiene conto di un lavoro che è stato portato avanti a stretto contatto con le associazioni, con i comitati dei pendolari e con gli enti locali. Una fase di ascolto importante che ha consentito, grazie ad un percorso partecipativo, di rimodulare l’offerta dedicata all’utenza sulla base delle esigenze dei pendolari negli orari più critici.

All’inizio dello scorso anno Regione Lazio e Trenitalia hanno siglato un accordo che ha modificato la convenzione attuativa dello scorso Contratto di Servizio certificando lo sblocco di 35 milioni di euro di fondi regionali. E’ stato completato l’acquisto dei 26 nuovi treni, dopo aver saldato debiti pregressi verso Trenitalia per circa 550 milioni di euro.

Grazie ad uno sforzo messo in campo dalla Giunta Zingaretti sin dal suo insediamento si è accelerato il piano di rinnovo del materiale rotabile che fino al 2012 si era incagliato a causa di pagamenti non effettuati in favore di Trenitalia. Se, infatti, fino al 2012 sono stati consegnati appena 3 treni Vivalto, dalla primavera del 2013 ad oggi sono stati messi in servizio sulle linee regionali ben 17 nuovi treni Vivalto che hanno migliorato notevolmente il comfort e la capacità delle linee per i pendolari del Lazio.

A questi 20 nuovi Vivalto si aggiungono i 5 nuovi treni Jazz destinati al Leonardo Express arrivando a 25 dei 26 nuovi treni destinati al trasporto regionale. E’ in corso la definizione degli ulteriori di investimenti da realizzare nel corso del periodo 2015-2020. Con il rinnovo del contratto del servizio, l’obiettivo è quello di rinnovare al 100% il materiale rotabile regionale. Ad oggi il 70% del materiale rotabile in circolazione sulle ferrovie regionali è di nuova costruzione (inclusi i TAF).

Sule linee principali del Lazio, nel corso dell’ultimo triennio, sono stati incrementati i collegamenti ed è stato migliorato il comfort di viaggio per i pendolari. Rispetto al 2012, il numero di collegamenti giornalieri è passato da 838 a 895 corse (+7%). Le linee maggiormente interessate dagli interventi sull’offerta sono state: FL 1 (Orte – Fara Sabina – Fiumicino) con incremento di collegamenti in area metropolitana +7% (da 129 a 138 ) e con un’offerta di posti totali pari a 116 mila/giorno; FL 3 (Viterbo – Cesano – Roma Ostiense) con incremento di collegamenti in area metropolitana +11% (da 135 a 148) e con un’offerta di posti totali pari a 125,3 mila/giorno; FL 5 (Civitavecchia – Ladispoli – Roma Ostiense) con incremento di collegamenti in area metropolitana +14 % (da 63 a 72) e con una offerta di posti totali pari a 64,6 mila/giorno; FL 6 (Cassino – Frosinone – Colleferro – Roma ) con incremento di collegamenti in area metropolitana +14 % ( da 72 a 80) e con una offerta di posti totali pari a 73,6 mila giorno; FL 7 (Minturno – Formia – Latina – Roma) con incremento di collegamenti in area metropolitana +14% ( da 58 a 66) e con una offerta di posti totali pari a 63 mila giorno; FL 8 (Nettuno – Aprilia – Roma) con incrementi del 2% in termine di collegamenti (da 42 a 43) e con una offerta di posti totali pari a 58,5 mila giorno, con tutti i treni composti da 8 carrozze; Terni – Rieti – L’Aquila con incrementi uguali o superiori 13% (da 30 a 34) con un’offerta di posti totali pari a 6 mila giorno.
Gli interventi descritti hanno generato un miglioramento del comfort di viaggio, percepito chiaramente dalla clientela che, nell’ultima rilevazione della customer satisfaction, si è ritenuta soddisfatta nel 68,4% dei casi contro il 64,8% dell’omologo periodo del 2014 (luglio). Mentre dall’estate 2012, quando le rilevazioni erano del 54% di viaggiatori soddisfatti, l’incremento è di circa + 14,4%.
Con il Piano Regionale della Mobilità la Regione intende offrire uno strumento per innovare nel Lazio l’intero sistema dei servizi di trasporto, puntando su efficienza e sostenibilità ambientale. La sfida più grande è quella di rafforzare la mobilità collettiva e pubblica, riequilibrando l’offerta di trasporto dalla gomma al ferro, alleggerendo in maniera determinante il peso ambientale degli autoveicoli privati nelle grandi aree urbane e in particolare nella Capitale. L’obiettivo che si intende perseguire è quello di una maggiore integrazione e intermodalità dei servizi di trasporto su gomma con quelli su ferro, per evitare sovrapposizioni, sprechi e inefficienze.
Un robusto aumento del trasporto su ferro è il cuore del Piano della Mobilità regionale e delle azioni messe in campo in questi mesi dalla Giunta regionale.
– Con il secondo Passante 3 nuove linee di servizio metropolitano nella Capitale: con il prolungamento da Roma Ostiense a Roma Tirburtina della FL3 (Roma – Viterbo) e l’inserimento della fermata Tuscolana, finalmente Roma ha una nuova linea passante che, collegando la zona Nord Ovest della città con il versante Est, si configura come un vero e proprio servizio metropolitano con 20.000 posti a sedere in più, 200 chilometri di rete su ferro al servizio di Roma e della sua area metropolitana attraverso interventi di efficientamento, che in alcuni casi permettono già il passaggio di un treno ogni 7,5 minuti, e di aumento dell’offerta sulle linee FL3 (Roma-Viterbo), FL 1 (Orte-Fiumicino), FL 6 (Cassino-Roma).
Effettuando le fermate di: Cesano, Olgiata, La Storta, Giustiniana, Ipogeo degli Ottavi, Ottavia, S.Filippo Neri, Monte Mario, Gemelli, Balduina, Appiano – Proba Petronia, Valle Aurelia, San Pietro, Quattro Venti, Trastevere, Ostiense, Tuscolana e Tiburtina, la FL3 consente agli utenti in entrata a Roma e a quelli della città di poter rimanere sullo stesso mezzo di trasporto fino al versante di Roma est, raggiungendo punti nevralgici come il polo universitario de La Sapienza-Policlinico Umberto I e sfruttando la fermata Quattro Venti anche il San Camillo-Forlanini, senza dover cambiare linea o mezzo di trasporto.
– Chiusura dell’anello ferroviario a Nord. Messo a regime il nuovo assetto tecnologico e rimodulati gli orari dei treni, il prossimo passo sarà la chiusura dell’anello ferroviario a nord. Aggiornando l’accordo con RFI e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sulle “Opere infrastrutturali su ferro”, la Regione punta alla chiusura dell’anello per farlo diventare il fulcro del trasporto pubblico locale dell’intera area metropolitana.
– Alta Velocità a Fiumicino e potenziamento del Leonardo Express. Dallo scorso mese di dicembre. Grazie ad un accordo sottoscritto con Trenitalia e Rfi, viaggiano due coppie di treni ad alta velocità diretti da Fiumicino a Venezia, passando per Roma, Firenze e Bologna, che stanno contribuendo al rilancio competitivo del principale aeroporto internazionale italiano e dei trasporti verso la Capitale.
La Regione Lazio sta investendo le risorse economiche concentrando gli interventi in favore della “Cura del ferro”, aumentando l’offerta dei collegamenti ferroviari da e verso Roma per le decine di migliaia di passeggeri che utilizzano il trasporto pubblico per motivi di studio o di lavoro, sia in termini di frequenza che di capacità. Investire nel trasporto pubblico su ferro vuol dire anche fare del bene all’ambiente, poiché il treno produce il 90% di emissioni inquinanti in meno rispetto ai tradizionali veicoli su gomma, e decongestionare dal traffico le principali arterie stradali di accesso alla Capitale. Si tratta di una vera e propria “rivoluzione culturale” che ha l’obiettivo di incentivare il ricorso al trasporto pubblico su ferro.

About Emanuele Bompadre 8218 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.