6 dicembre 2016

Mondiale Superbike – Magny Cours, report prove Aprilia

E’ iniziato con il piede giusto il weekend francese dell’Aprilia Racing Team – Red Devils. Leon Haslam, quarto (in 1’38.330) nella classifica combinata delle due sessioni, si è dimostrato veloce sin dai primi giri in sella alla sua RSV4, continuando poi a migliorare i suoi riferimenti. Peccato per il traffico incontrato in pista dal pilota britannico, che gli ha impedito di far segnare un tempo migliore ma non di mettere in mostra un ritmo promettente in ottica gara.

Per Jordi Torres si è trattato invece dell’ennesimo venerdì di apprendistato su una pista che affronta per la prima volta e che si è rivelata più ostica di quanto lo spagnolo, alla sua stagione di debutto in Superbike, si aspettasse dopo averla “assaggiata” virtualmente con i videogames. I 42 giri all’attivo, più di chiunque altro, sono serviti proprio ad assimilare i riferimenti del circuito di Névers, un percorso di apprendimento giunto già a buon punto come testimoniato dal settimo crono (1’38.824) fatto segnare durante la sessione pomeridiana.

Leon Haslam:

“Direi che siamo partiti bene. Fin da stamattina ho avuto un buon feeling con la mia RSV4, abbiamo lavorato bene provando entrambe le opzioni di pneumatico sia all’anteriore che al posteriore. Purtroppo ho trovato molto traffico durante i miei run, quindi il tempo non è quello che avrei potuto ottenere con pista libera. Per quanto riguarda la costanza ed il ritmo invece siamo già messi piuttosto bene, non ci resta che lavorare come al solito per trovare qualche ulteriore soluzione in vista di domani”.

Jordi Torres:

“Oggi è andata bene. Abbiamo fatto un bel lavoro su un circuito piuttosto difficile, non me lo aspettavo dopo averlo provato con i videogames. Ci sono tanti scollinamenti che rendono difficile tenere la linea, bisogna giocare con il gas per mantenere la traiettoria. Stamattina faticavo a mettere insieme un giro pulito, poi giro dopo giro è aumentato il feeling, anche grazie al lavoro di squadra con Leon che ha fatto una buona FP1 e mi ha aiutato. Nelle staccate più violente mi manca ancora velocità, non riesco a farle bene come gli altri. Ora ci dormirò sopra e domani faremo sicuramente un ulteriore step”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5959 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.