6 dicembre 2016

Monterotondo – Allo Scalo una nuova illuminazione pubblica

Migliore efficienza energetica, risparmio nei consumi, messa in sicurezza degli impianti, minori costi di manutenzione e illuminazione potenziata. Sono gli obiettivi del “Piano di riqualificazione della pubblica illuminazione” dell’area target di Monterotondo Scalo, intervento 17 del PLUS, il Programma di Sviluppo Urbano Locale compreso nel programma operativo della Regione Lazio, fondi europei 2007-2013.

Gli interventi previsti nel piano, riguardanti ben 35 vie dello Scalo e ormai in corso di ultimazione, stanno comportando l’adeguamento di tutti i quadri elettrici dell’area con la sostituzione di dodici di questi, la sostituzione dei pali della luce per i quali si è riscontrata presenza di rischi o instabilità, la riqualificazione degli impianti di messa a terra, infine la sostituzione delle vecchie lampade, a vapore di sodio o di mercurio, con corpi illuminanti di moderna tipologia Led.

«La riqualificazione dell’illuminazione pubblica è un intervento estremamente rappresentativo dell’obiettivo generale del Plus, quello di migliorare la qualità ambientale e la vivibilità dello Scalo – illustra l’assessore a lavori pubblici e tecnologico Luigi CavalliLa scelta della tecnologia Led, ad esempio, è molto indicativa, considerati i tanti vantaggi, in termini economici, energetici e di sicurezza pubblica, che questa consentirà di ottenere. Le nuove lampade che stiamo installando garantiscono tempi di durata elevati, minore manutenzione, assenza di sostanze pericolose, accensione a freddo immediata, resistenza agli urti e alle vibrazioni, dimensioni ridotte, flessibilità di installazione e possibilità di regolazione della potenza. Tutti elementi che compensano abbondantemente i costi iniziali coperti dal finanziamento europeo».

A parità di illuminazione, con la tecnologia LED si ottengono infatti risparmi energetici dal 50 al 80%. Rispetto alle lampade al sodio, i led sono poi decisamente superiori per qualità della luce, maggiormente sicura per gli utenti della strada in termini di efficacia della proiezione e minor inquinamento luminoso. Durano di più, mediamente 50.000-100.000 ore contro le 4000-5000 ore delle lampade al sodio. Infine i costi di manutenzione degli apparati di illuminazione a led sono stimati nell’ordine di un decimo rispetto agli impianti al sodio.

«Gli interventi del Plus – conclude il sindaco Mauro Alessandristanno gradatamente concludendosi, nei tempi e con le modalità previste, secondo una logica di integrazione, organica e complementare, tra la realizzazione di opere strutturali e quella di iniziative a carattere socio-culturale. Un’integrazione che tende ad una riqualificazione urbana complessiva, ad una idea di città che valorizza le periferie, particolarmente evidente nella filosofia e negli obiettivi del Plus, straordinaria opportunità che abbiamo saputo cogliere e e mettere a frutto, ma non soltanto limitata a questi. Altri interventi lo dimostrano ampiamente. Mi limito a citare la sistemazione di via Nomentana-Turati, l’apertura di via del commercio su via Giovanni XXIII, il monumento naturale presso l’impianto Brizziarelli, i due nuovi parchi pubblici, la differenziata porta a porta estesa a tutto il territorio dello Scalo, i lavori sulla viabilità all’incrocio di via dell’aeronautica, il nuovo asilo nido comunale a Piedicosta… Interventi che, nel loro insieme, attestano come il recupero sociale, infrastrutturale ed ambientale dello Scalo non sia un’ipotesi o un impegno generico ma un preciso progetto in movimento».

About Emanuele Bompadre 8249 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.