4 dicembre 2016

Helen Mirren e Simon Curtis presentano a Roma “Woman in Gold”

Il premio Oscar Hellen Mirren è Roma insieme al regista Simon Curtis per presentare in anteprima “Woman in Gold”, la storia vera di una rifugiata ebrea che combatte per riprendere i beni che sono stati stati indebitamente sottratti alla sua famiglia dai nazisti tra cui il celebre dipinto di Klimt “Ritratto Adele Bloch-Bauer”.

Per l’attrice, la vicenda di Maria Altmann è stata una grande scoperta: “Le storie come questa, storie di vita vissuta, hanno un’inarrivabile profondità emotiva, perché sai che è tutto vero. Non è la classica storia dei forti contro i deboli e dei deboli che vincono sui forti – prosegue – è sempre, e in ogni momento, un’autentica storia umana. Penso che la maggior parte di noi si identifichi in questa storia. Da bambina sono cresciuta in Europa dopo la Seconda Guerra Mondiale e sono sempre stata curiosa, chiedevo sempre ai miei genitori cosa significasse. Fare questo film è stato come tornare indietro alla generazione dei miei genitori. Trovo incomprensibile come un uomo possa fare tanto male ad altri uomini. Ma – prosegue – anche oggi ci troviamo di fronte a certi episodi, vediamo ciò che accade in Siria, in Ruanda, anche per questo è importante ricordare il passato.
Il secolo che stiamo vivendo potrebbe portate tanti problemi per la discriminazione di razza e religione, per questo non bisogna dimenticare ciò che è accaduto nel passato”.