10 dicembre 2016

Rugby – Brunel: “Possesso e pressione per imporre il nostro gioco all’Irlanda”

Il CT Brunel ha incontrato la stampa, insieme al Manager Luigi Troiani, a margine dell’annuncio della formazione titolare per la partita contro l’Irlanda di sabato all’Olimpico di Londra.

Il CT ha spiegato le proprie scelte e l’approccio alla partita potenzialmente decisiva per le sorti della Pool D della Rugby World Cup: “Il ritorno di Parisse è sicuramente importante per noi, è il capitano di questa squadra, ha fatto tutto il possibile per scendere in campo in questo Mondiale. Alcune scelte nella formazione sono state fatte in funzione del fatto che difficilmente potrà rimanere in campo per ottanta minuti, per questo abbiamo optato per Zanni e Bergamasco in panchina, in modo da avere più opzioni da utilizzare”.

“Favaro è un giocatore molto mobile, adatto ad una partita come quella contro l’Irlanda: ha fatto un ingresso dalla panchina contro la Francia, ha avuto qualche problema fisico nella settimana di preparazione al Canada che gli ha impedito di essere utilizzabile a Leeds ma ora sta bene, è pronto per questa partita”.

“L’Irlanda – ha aggiunto Brunel – è forte ed organizzata in touche, ma non solo: hanno un grandissimo gioco al piede, sono eccellenti nel contest sulle palle alte…sono una formazione completa in ogni area del gioco. Per noi sarà importante mantenere il possesso quanto più possibile, nelle ultime due partite contro gli irlandesi non ci siamo riusciti e questo ha fatto la differenza. Non possiamo permetterci di dover fare duecento placcaggi come nel 2014 e nel 2015, dobbiamo avere la palla se vogliamo imporre qualcosa sull’avversario”.

“Sino ad oggi non abbiamo avuto l’opportunità e la capacità di giocare il rugby che abbiamo dimostrato di saper giocare – ha concluso Brunel – ma se domenica ci riusciremo sono convinto che avremo la possibilità di vincere.”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.