8 dicembre 2016

Gaeta – Un brand ad hoc per il pescato: ecco i risultati dell’indagine sul mercato ittico locale

Un pescato da brand: così è stato definito il pesce di Gaeta dai ricercatori dell’Università La Sapienza di Roma che hanno svolto, su richiesta dell’Amministrazione Comunale,  un’indagine quali  – quantitativa sulla pesca e sul consumo di pesce a Gaeta, nell’ambito del progetto “Gaeta: Mare è vita”, quale proposta di ricerca per il Fondo Europeo per la Pesca (FEP) 2007/2013 Asse prioritario IV – misura 4.1: “Sviluppo sostenibile delle zone di pesca”.

Presentati in Conferenza stampa dai Proff. Bernardino Quattrociocchi e Luca Pasqualino dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza,  mercoledì 30 settembre, alla presenza del Sindaco di Gaeta Cosmo Mitrano, del Direttore GAC Pasquale Ranucci, i dati dell’indagine fotografano un mercato ittico locale trasparente dove i prezzi della domanda e dell’offerta sono assolutamente compatibili: “Non c’è speculazione, e non presenta nessun operatore commerciale dominante rispetto ad altri. Inoltre il pescato locale  ha peculiarità quali – quantitative che rendono possibile la creazione di un vero e proprio brand, anche perché il pescato di Gaeta porta con sé la storia della popolazione di Gaetaha dichiarato il prof. Quattrociocchi.

La ricerca è stata condotta dai ricercatori dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza, facoltà di Economia sede di Latina, e da Sinergica S.p.A, società di ricerca aderente al Consorzio Universitario di Economia Industriali e Manageriale (CUEIM).

Ecco i principali dati illustrati dai Proff. Bernardino Quattrociocchi e Luca Pasqualino: “L’indagine ha coinvolto gli attori principali del mercato ittico: pescatori, ristoratori, commercianti  al dettaglio e consumatori finali. Dai dati raccolti si evince che il consumo di pesce a Gaeta è leggermente superiore alla media nazionale, e i prezzi sono un pò più bassi della media italiana. L’80 % dei consumatori acquista il pesce in pescheria, il 20% in banchina. Dalle interviste è emerso che il consumo medio mensile pro capite è pari a 6,9 kg. Il 70% degli intervistati verifica la provenienza del pesce che acquista, e di quest’ultima percentuale di consumatori l’80% preferisce il pesce locale.  Il 40% dei pescatori vende in media 250/300 kg di pesce a giorno, tra i 200 ed i 300 kg la media mensile di vendita per il 60% dei  commercianti al dettaglio intervistati. La tipologia di pesce maggiormente venduta è il pescato stagionale con 186 kg al mese per i pescatori e 80 kg al mese per i commercianti al dettaglio. Inoltre è emerso che il ristoratore ha l’influenza maggiore nella determinazione dei gusti e delle preferenze dei consumatori”.

Dall’indagine – ha concluso il Prof. Quattrociocchi – è emersa la necessità di creare nei consumatori la consapevolezza delle ciclicità delle specie ittiche durante l’anno e quindi della loro disponibilità stagionale presso i punti di vendita. Importante è dunque promuovere una cultura del mare, ed in particolare  informare ed  educare i giovani sul pescato locale, primo patrimonio culturale ed economico di Gaeta  e di tutto il Golfo più in generale”.

L’input è stato subito raccolto dal Sindaco Mitrano che ha dato piena disponibilità alla produzione di un opuscolo informativo sul pescato locale, semplice ma completo, da distribuire nelle scuole: “Sensibilizzare ed informare sul pescato  di Gaeta – ha detto il Primo Cittadino – significa anche valorizzare il pesce del Golfo,  il lavoro dei pescatori e tutta la tradizione storica, culturale e gastronomica celata in un tipico piatto a base di pesce locale. Acquisire e diffondere la consapevolezza  di avere nel nostro Golfo un prodotto unico, giungendo alla creazione di un vero e proprio brand per il Pescato di Gaeta,   vuol dire contribuire in modo incisivo all’aumento della competitività del pesce locale e delle imprese operanti nell’ambito della filiera della pesca“.

Anche per il consigliere comunale Pasquale Ranucci, presente all’incontro in qualità di Direttore del GAC (Gruppo di Azione Costiera) Mar Tirreno Pontino e Isole Ponziane “E’ fondamentale la promozione di una cultura del mare, attraverso campagne di comunicazione ed iniziative di informazione ad ampio raggio, che coinvolgano principalmente  i bambini e i ragazzi. Ottima l’idea dell’opuscolo che dovrà essere chiaro ma esaustivo, ed indicare per ciascuna tipologia di pesce locale tutte le specifiche caratteristiche, compresi i valori nutrizionali“.

About Emanuele Bompadre 8266 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.