Ciarambino: “La nostra mozione di liquidazione della Gori domani arriva in Consiglio”

Domani potrebbe essere una giornata storica per i cittadini campani: siamo riusciti ad ottenere la calendarizzazione in Consiglio della nostra mozione di liquidazione della Gori. Grazie all’operazione trasparenza fatta dalla nostra consigliera Marì Muscarà ad agosto ecco cosa abbiamo scoperto sulla Gori:




dopo che Caldoro gli aveva già condonato un debito di 70 mln di euro di soldi pubblici e spalmati i restanti 230 mln su 20 anni quasi senza interessi, siamo venuti a sapere che la Gori ha accumulato negli ultimi 2 anni un ULTERIORE DEBITO DI 92 MILIONI di euro sui pagamenti correnti relativi a depurazione e fornitura idrica: una notizia che dovrebbe far saltare sulla sedia ogni amministratore pubblico. In pratica il carrozzone politico totalmente inefficiente e fallimentare, che ha inviato ai cittadini bollette pazze aumentate anche del 70%, che ha fatto pagare ai cittadini i suoi debiti con l’illegittimo recupero delle partite pregresse, che in piena estate si permette di staccare la fornitura di acqua a chi non riesce a pagare le bollette esorbitanti, continua ad accumulare debiti su debiti con la Regione ossia con gli stessi cittadini. Possibile che l’attuale assessore non ne sia informato?
Domani in Consiglio si discuterà la nostra mozione alla giunta per la messa in mora della Gori e la richiesta di LIQUIDAZIONE se non dovesse pagare entro 60 giorni. Aspettiamo di sapere se il Consiglio regionale intende tutelare l’interesse dei campani o continuare sulla scia di Caldoro a coprire le lobby dell’acqua.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8968 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.