5 dicembre 2016

James Dean: 60 anni dalla morte di una leggenda

A 60 dalla sua morte non si smette di parlare di uno dei personaggi più rappresentativi della storia del cinema.
Nato nel 1931 nell’Indiana, James Dean è diventato in poco tempo simbolo di trasgressione, bellezza e ribellione giovanile; una carriera rapida e folgorante, iniziata in un piccolo gruppo teatrale e proseguita con la pubblicità, con lo spot della Pepsi Cola e altre produzioni per approdare finalmente all’Actors Studio. Dopo il suo ruolo nella piece teatrale “The Immoralist” nel 1954 gli si aprono le porte di Hollywood e ottiene visibilità con una parte ne “La valle dell’Eden” di Elia Kazan.
“Era ipersensibile e si vedeva dallo sguardo, dal modo in cui si muoveva e parlava, che aveva sofferto molto. Era afflitto dalle proprie insicurezze”. Così Marlon Brando, descrive James Dean

Questo primo ruolo gli farà ottenere la prima nomination all’Oscar insieme al contratto con la Warner Bross. Sarà l’inizio di un’ascesa di 15 mesi che lo porteranno a recitare in tre film diventati pietre miliari della storia del cinema. Durante le riprese della sua terza pellicola, l’attore si reca ad una gara automobilistica in California e muore in un incidente stradale a bordo della sua Porsche 550 Spyder.

Dean raccontava spesso agli amici che non sarebbe vissuto oltre i 30 anni e loro gli facevano notare che la passione per le auto era senz’altro rischiosa, ma l’attore non si lasciava mai prendere in contropiede: “Quale modo migliore per morire? È veloce, pulito e te ne vai in un tripudio di gloria”.