11 dicembre 2016

Mondiale Superbike – Tutto per un secondo al Fassi French Round

Il primo fine settimana di ottobre ospiterà il penultimo round del Campionato Mondiale eni FIM Superbike, in programma al Circuito di Nevers Magny.Cours in Francia. Il tracciato è situato nella regione della Borgogna, nella Francia centrale ed a 250km a sud della capitale Parigi.

Il circuito francese ha debuttato nel Mondiale Superbike nel 1991, salvo poi tornarvici solo dal 2003 in avanti con un tracciato leggermente rivisto di 4411m (140m più lungo dell’originale). Da allora, Magny-Cours ha sempre fatto parte del calendario iridato. Costruita su un terreno completamente pianeggiante, la pista vanta un mix molto tecnico di lunghe curve e stretti tornanti ed è famoso per il meteo incostante e la pioggia, che creano una sfida ulteriore per i team ed i piloti.

Nell’ultima trasferta in ordine di tempo in Spagna, Jonathan Rea è diventato il quinto britannico a laurearsi Campione del Mondo Superbike ed il primo nordirlandese a compiere questa impresa. Il pilota KRT ha completato l’impresa con cinque gare ancora da completare (una, ovviamente, era gara 2 a Jerez). A questo punto, quindi, l’attenzione si rivolge sulla battaglia per il secondo posto finale, che vede Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team) in vantaggio di 22 punti su Tom Sykes (Kawasaki Racing Team).

Con 25 punti a disposizione del vincitore di gara e 100 ancora in palio tra qui ed il finale in stagione in Qatar, la situazione è tutt’altro che decisa. Dei due, Davies è sicuramente quello più in forma, avendo conquistato ben 140 dei 150 punti disponibili negli ultimi tre round. Sykes ha però dalla sua il fatto di non aver mai chiuso al di sotto della seconda posizione nelle ultime tre stagioni.

Situazione decisa anche nella corsa al titolo costruttori. Kawasaki doveva finire nella top 8 in gara 2 a Jerez e lo ha fatto, ottenendo questo traguardo prima mai raggiunto nonostante i titoli piloti di Russell (1993) e Sykes (2013). La battaglia per il secondo posto vede invece Ducati con 78 punti di vantaggio sui Aprilia, che si era aggiudicata la classifica costruttori l’anno passato. Come annunciato settimana scorsa, con il ritorno di Yamaha ci sarà un ulteriore pretendente allo scettro di campione il prossimo anno.

Un punto di domanda non da poco per l’elenco dei partecipanti del Fassi French Round riguarda il pilota che sostituirà Davide Giugliano. A Jerez fu Michele Pirro a montare in sella alla Panigale R, mentre per la trasferta di Magny-Cours il nome non è stato ancora ufficializzato. Il dodicesimo round della stagione sarà il penultimo del lunghissimo rapporto tra Crescent e Suzuki, così come per la partnership tra il team Pata Honda e Sylvain Guintoli.

Ritorna invece in griglia come One Event Markus Reiterberger, in sella alla BMW S 1000 RR del team VanZon Remeha BMW, con la quale è leader della classifica nella Superbike tedesca (IDM). Sarà presente al Fassi French Round anche il polacco Pawel Szkopek (Szkopek POLand POSITION), vecchia conoscenza del paddock WorldSBK con sei presenze all’attivo nella competizione tra il 2004 ed il 2006 e pilota con buona esperienza nel Mondiale Supersport. Il suo miglior risultato nel Mondiale Superbike, ironicamente, arrivò 11 anni fa in sella ad una Suzuki, proprio a Magny-Cours, quando tagliò il traguardo di gara 2 in tredicesima posizione.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6000 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.