6 dicembre 2016

La Rustica – Aggressione autista TPL, identificati e denunciati gli aggressori

Il fatto è avvenuto in largo Augusto Corelli, nel quartiere La Rustica, verso le ore 18 di giovedì scorso, quando un autista della TPL è stato ferito al termine di un diverbio e della successiva aggressione messa in atto da un ragazzo ed alcuni suoi familiari.

Le indagini effettuate dagli Agenti del Commissariato Prenestino, diretto dal dott. Mauro Baroni, intervenuti sul posto, hanno consentito di ricostruire l’accaduto. Poco prima, infatti, un autobus della linea 447, transitando nella piazza, si era dovuto fermare a causa di un’autovettura in sosta in doppia fila.

L’esortazione a liberare la strada inizialmente è stata disattesa dal giovane conducente del mezzo, con la motivazione di un guasto al veicolo. Solo in un secondo momento, a causa delle proteste dei passeggeri dell’autobus, il ragazzo vi ha ottemperato.

Il mezzo pubblico, tuttavia, è rimasto invischiato nel traffico, cosa che ha consentito al giovane di avvicinarsi alla cabina dell’autobus e, inalberatosi ritenendo ingiusto che il conducente avesse preso il num6ero di targa per una successiva denuncia, come peraltro previsto dal regolamento della società, ha sferrato un pugno contro il finestrino infrangendolo.

L’autista è rimasto all’interno nell’autobus fino all’arrivo dei colleghi dell’azienda, che lo hanno fatto entrare in un’autovettura di servizio. Quando però il dipendente della TPL si è diretto verso l’ambulanza, giunta nel frattempo, è stato minacciato ed aggredito dai genitori e dalla fidanzata del giovane.

Anche il ragazzo, a questo punto, è riuscito a scagliarsi contro l’autista del bus, colpendolo con un calcio e facendolo cadere in terra. Una volta allontanatosi il mezzo di soccorso, anche alcuni presenti, intervenuti per fermare il giovane, sono rimasti coinvolti nel parapiglia generatosi.

L’autista, che ha espresso la volontà di sporgere denuncia per l’accaduto, ha riportato contusioni varie giudicate guaribili in 7 giorni, mentre il giovane, la fidanzata, il padre e la madre dello stesso hanno avuto una prognosi rispettivamente di 8, 4, 6 e 5 giorni.

Pertanto, alla luce della ricostruzione dei fatti effettuata dagli agenti della Polizia di Stato, i responsabili dei fatti in argomento saranno a vario titolo denunciati all’autorità giudiziaria per i reati di lesioni, minacce a incaricato di pubblico servizio, danneggiamento aggravato ed interruzione di un servizio pubblico.

About Samantha Lombardi 4017 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it