11 dicembre 2016

Rifarsi il seno: con o senza protesi?

Ecco tutto quello che c’è da sapere su uno degli interventi chirurgici più richiesti dalle donne: approfondimenti e suggerimenti utili.

Negli ultimi anni, anche in Italia, abbiamo assistito ad un vero e proprio boom della chirurgia estetica: sempre più donne decidono di intervenire chirurgicamente per rimodellare e rendere più armonico il proprio corpo.
Se fino ad un decennio fa, la chirurgia estetica era considerata un tabù e un argomento solo per ricchi vip, in grado di spendere cifre astronomiche per vedersi meglio allo specchio, oggi la situazione è profondamente cambiata. I costi per un intervento chirurgico si sono ridotti sensibilmente, il numero di chirurghi specializzati è aumentato e l’aspetto estetico è sempre più importante. A dimostrarlo è il numero crescente di donne di tutte le età che decidono di rifarsi il seno, in particolare dopo una gravidanza, dopo una malattia grave, ma a volte anche solo per aumentare il volume del proprio decolté.
Ma è sempre opportuno intervenire chirurgicamente? Quanti tipi di interventi esistono? A chi bisogna rivolgersi per un’operazione di questo tipo?
Ecco alcuni consigli utili per fare chiarezza.
Innanzi tutto, come suggeriscono anche i chirurghi iscritti alla SICPRE – la Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica – è opportuno individuare e capire i motivi reali che spingono una donna ad intervenire chirurgicamente sul proprio seno. Se dietro a questo desiderio, c’è un disagio fisico che si ripercuote sulla sfera psicologica e sociale, allora è opportuno prendere in considerazione l’idea di parlarne con uno specialista, che saprà valutare la reale situazione e consigliare l’intervento più adatto. Se, invece, il desiderio è semplicemente di aumentare la propria taglia di reggiseno per piacere di più al proprio partner, o per fare una nuova conquista, allora è bene ponderare meglio la scelta e valutare la reale opportunità di intervenire, perché i gusti personali delle persone con cui interagiamo potrebbero cambiare e un’operazione chirurgica potrebbe rivelarsi azzardata e quindi inopportuna.
In secondo luogo, è bene sapere che per rifarsi il seno non è sempre indispensabile applicare delle protesi. Esistono, infatti, due tipologie differenti di operazioni. La prima è quella tradizionale, che prevede l’inserimento di protesi mammarie di ultima generazione, che riducono al minimo i rischi e non presentano conseguenze. La seconda, invece – che si consiglia generalmente a seguito di un eccessivo dimagrimento o nelle situazioni in cui i tessuti si sono particolarmente rilassati – non prevede l’utilizzo delle protesi in silicone, ma soltanto un rimodellamento del seno, che viene così rialzato e plasmato senza che vi siano cicatrici troppo evidenti. Il risultato, quindi, è del tutto naturale e in molti casi si riesce a guadagnare anche un aumento del volume.
In entrambi casi, a consigliare la soluzione migliore dovrà essere un chirurgo esperto e specializzato, che dopo una prima e accurata visita – accompagnata anche da approfondimenti e accertamenti di tipo clinico – valuterà il quadro generale della paziente e consiglierà la soluzione più idonea al suo caso. È bene, infine, ricordare che prima di affidarsi ad uno specialista, è consigliabile raccogliere quante più informazioni possibili sulla sua esperienza e sulla sua preparazione, per evitare di incorrere in brutte sorprese.