10 dicembre 2016

Pasolini al cinema con Salò dal 2 novembre

Il 2 novembre ricorrono i 40 anni dall’assassinio di Pasolini e non mancheranno le celebrazioni per ricordare lo scrittore, in particolar modo a Bologna, la città dove nacque nel 1922 e dove ebbe luogo la sua formazione intellettuale.

In quest’occasione sarà possibile vedere al cinema il suo ultimo film in versione originale e praticamente inedito, “Salò o le 120 giornate di Sodoma” restaurato e premiato alla Mostra del cinema di Venezia tra i restauri di Venezia classici.

La pellicola, i cui diritti appartengono ad Alberto Grimaldi, produttore di Sergio Leone e Bertolucci, è considerata un testamento morale di Pasolini, che terminò proprio il montaggio dell’opera poche ore prima di essere ucciso ad Ostia.
Ispirato al romanzo di De Sade e ambientato nella Repubblica di Salò del ’44 il film si può considerare “una metafora di quello che saremmo diventati”, afferma Gian Luca Farinelli, direttore della Cineteca di Bologna. A distanza di anni, è arrivato il momento di affrontarlo con la giusta lucidità, per quanto possano turbare oggi come prima, le scene delle pratiche sessuali più estreme.
Dopo la scomparsa di Pasolini il film arrivò in sala ma poco dopo fu sequestrato e oggetto di una “violenza contraria inaudita sotto la cappa del perbenismo italiano della metà degli anni ’70”.