MotoGP Aragon 2015: la pagella del Dicos

Lg Misano Adriatico (San Marino) 12/09/2015 - qualifiche Moto GP / foto Luca Gambuti/Image Sport nella foto: Jorge Lorenzo

JORGE LORENZO 10: Pronti via e Jorge ritorna ad essere magnifico dopo il disastro di Misano. Imprime sin dai primi metri un ritmo pazzesco, scelta che si rivela vincente. Marquez, infatti, per tentare di ricucire lo strappo scivola; così l’avversario più pericoloso è fuori gioco. Il duo italo-spagnolo Dani-Vale ha cercato di agguantarlo, ma lo squalo maiorchino è stato un predatore irraggiungibile. Con eleganza e forza mentale da urlo, l’alfiere iberico della Yamaha si regala la vittoria e riapre la lotta al titolo. Maestoso!




DANI PEDROSA 10-: Con una moto che soffre l’equilibrio raggiunto da quella marchiata tre diapason, in una stagione dove ha rischiato l’addio alle corse, tra le tribune amiche, il rider di Sabadell è autore di una prestazione a favolosa. Non soffre nessuna pressione psicologica, specie quella urlata da chi di mestiere fa il giornalista, non lo psicologo. Non si lascia beffare in staccata da chi urla e spera ciò mentre racconta con la solita parzialità la corsa. Interpreta le curve meglio di chi viene dipinto, in accento romagnolo-monegasco, come il nuovo Michelangelo delle piste. Insomma per dirla come quel tale che non rispetta il pensiero diverso dal suo, si è passati dalla punturina alla suppostina. Per chi vi scrive la differenza tra lui e Mister 9 volte l’ha fatto il manico. Il 99 cosa ha fatto con la Yamaha? Chapeau!

VALENTINO ROSSI 7: Marquez gli serve subito un assist favoloso per limitare al minimo le perdite. La M1 anche ad Aragon si conferma la migliore due ruote del lotto. Il corpo a corpo e le staccate sono i suoi punti forti. Quando è indietro ad un pilota ha la capacità di indurlo all’errore, però….Nel mondo reale aragonese si scontra con la classe e l’umiltà di un ragazzo che tra i cordoli è stato semplicemente più bravo. Il duello è stato bellissimo e lui è stato abile nel provarci fino al traguardo. Il teammate riapre la corsa iridata, ma niente di grave. Come ha detto Livio Suppo, è scritto nelle stelle che questo mondiale deve vincerlo lui. Tenace!

ANDREA DESMOIANN 8: L’inizio corsa è scoppiettante, ma dopo, tornata dopo tornata, il distacco con i primi è aumentato. Il dolore alla spalla è un peso che lo rallenta, ma l’abruzzese è stato lo stesso incisivo e positivo. Non riesce ad essere del duello che ha infiammato gli spalti spagnoli, ma ribadisce che il più veloce a guidare una creatura desmodromica è lui. Gagliardo!

ANDREA DESMODOVI 6,5: Un altro week end in chiaroscuro, un altro fine settimana dietro chi cavalca la stessa moto. Sembra smarrito. Speriamo trovi presto il bandolo della matassa perché gli appassionati italiani e la Ducati hanno bisogno di lui. Forza!!!

YAMAHA: Perfetta.

HONDA: Perfettibile.

DUCATI: Da perfezionare.

SUZUKI: Imperfetta.

APRILIA: Nessuna è perfetta.

GARA: Il favoloso duello tra Pedrosa e Rossi appassiona e fa battere forte i cuori.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8645 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.