9 dicembre 2016

Motomondiale – Aragon, moto3, vince Oliveira! Bastianini e Kent KO

Il portoghese conquista la terza vittoria della stagione con un finale al cardiopalma. Sul podio Navarro e Fenati.

Un finale thriller, degno della spettacolo che la categoria cadetta Moto3™ ci regala ad ogni appuntamento del calendario. Sul tracciato del MotorLand Aragon si è consumata una corsa entusiasmante nella totalità dei suoi 20 giri e culminata negli ultimi metri con l’esclusione dei due piloti più attesi che si stanno giocando il titolo mondiale.

Ad aggiudicarsi il trionfo nel Gran Premio Movistar de Aragon 2015 è Miguel Oliveira (Red Bull KTM Ajo): per il portoghese si tratta della terza vittoria stagionale dopo quelle del Mugello e di Assen, che lo proietta al terzo posto della classifica iridata. Peccato per l’assenza forzata di metà stagione per infortunio, perché il 20enne di Pragal avrebbe potuto contendere il titolo sino alla fine a Enea Bastianini (Gresini Racing Moto3) e Danny Kent (Leopard Racing).

I due protagonisti hanno sprecato una grande occasione, finendo a terra negli ultimi metri di questa gara forsennata. Il 17enne di Rimini, proprio nella sua chicane preferita alla curva 14, dove aveva compiuto degli straordinari sorpassi lungo tutto l’arco della corsa, esagera e tocca l’incolpevole Brad Binder; il leader del mondiale invece è stato disarcionato dalla sua Honda alla curva 17, ma almeno può consolarsi per l’epilogo assurdo e lasciare Aragon con lo stesso vantaggio e con una gara in meno da disputare.

Sul podio salgono così Jorge Navarro (Estrella Galicia 0,0) bravo a restare sempre attaccato alle prime posizioni, nonostante la sua non perfetta condizione fisica che l’aveva obbligato a saltare il precedente round di Misano. Una bandiera tricolore sventola ugualmente sul podio del MotorLand: Romano Fenati (Sky Racing VR46) si fa trovare pronto all’appello e conferma gli ottimi progressi della KTM e il suo feeling con il tracciato spagnolo, su cui ha trionfato nella passata edizione.

Gran gara anche degli altri protagonisti alle loro spalle con un trenino di testa agguerrito e formato da 10 piloti. Giù dal podio si piazza il veterano Efren Vazquez, seguito dalla sorpresa Philipp Oettl (Schedl GP Racing) autore di ottimi giri e da Niccolò Antonelli (Ongetta-Rivacold). A lungo nelle posizioni di vertice, il pilota di Cattolica ha commesso qualche errore di troppo in frenata nelle fasi finali.

Alle sue spalle, l’eroe locale Jorge Martin (MAPFRE Team MAHINDRA) porta la moto della casa indiana nella Top 10; più staccate le Honda di Alexis Masbou (SAXOPRINT RTG) e Hiroki Ono. Nel secondo gruppo si mettono in evidenza gli italiani Andrea Migno, con Pecco Bagnaia nella morsa di con la seconda Mahindra e Stefano Manzi (San Carlo Team Italia); da sottolineare la prestazione di Maria Herrera (Husqvarna Factory Laglisse) che con la 14ª posizione riesce per la seconda volta in stagione a rientrare in zona punti.

Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.