10 dicembre 2016

Papa. Difendiamo la famiglia lì si gioca il nostro futuro

Una festa dello spirito immersa nella musica, colori, balli e testimonianze. Il calore, l’amore, la gioia delle famiglie di tutto il mondo si sono riflessi nella commozione e nei sorrisi del Papa che ha ascoltato e pregato anche attraverso la vita di uomini e donne guidati dalla fede. Testimoni che hanno raccontato la propria esperienza, letto la Sacra Scrittura. Così Amy Wall guarita dalla sordità per intercessione della Santa di Philadelphia, Caterina Mary Drexel; l’incontro, le paure e la promessa sono state nelle parole degli australiani emozionatissimi Camillus e Kelly i quali si sposeranno a novembre prossimo; Mario e Rosa in Argentina invece hanno appena celebrato il 60esimo di matrimonio.

Gianna Emanuela Molla
Ha letto davanti al Papa Gianna Emanuela Molla, la figlia della Santa Gianna Beretta Molla che, insieme a San Giovanni Paolo II, è patrona del Meeting Mondiale delle Famiglie. Sul palco è salito anche Herb Lusk primo giocatore di football nella storia degli Stati Uniti ad essersi inginocchiato pregando dopo un touchdown: era il 1977. Tra le coreografie di luci, anche le note del gospel di Aretha Franklin. Tante sono state le testimonianze di gioia, difficoltà e rinascita: dall’Ucraina alla Nigeria, dagli Stati Uniti alla Giordania.

Società forte e famiglia
Il Papa, in un discorso tutto a braccio, subito esprime gratitudine per le testimonianze autentiche, per l’arte: “vie che portano a Dio”.

“Dios es bueno, Dios es bello, Dios es verdad. …
Dio è buono, bello, e verità – ha rimarcato – La famiglia è voluta da Dio”:

“Una sociedad crece fuerte, crece buena, crece hermosa y crece verdadera si se edifica sobre …
Una società cresce forte, buona, bella e vera se è costruita sul fondamento della famiglia”.

La Creazione e la famiglia
Il Papa condivide una domanda che una volta gli pose un bambino: “Cosa faceva Dio prima di creare il mondo”?

“Antes de crear el mundo, Dios amaba porque Dios es amor, …
Prima di creare il mondo, Dio ha amato, perché Dio è Amore”.

“Un amore così grande e travolgente” “che creò il mondo”. Una meraviglia – dice il Papa – che stiamo anche “distruggendo”. “Dio ha dato tutto” all’uomo:

“Todo el amor que Dios tiene en sí, toda la belleza que Dios tiene en sí, …
Tutto l’amore che Dio ha in sé, tutta la bellezza che Dio ha in sé, tutta la verità che Dio ha in sé, li consegna alla famiglia”.

Le braccia aperte della famiglia
Francesco spiega che una famiglia è veramente tale quando è in grado di “aprire le braccia” e ricevere tutto questo amore. Il Papa parla della divisione posta nell’uomo: il “primo fratricidio”, le guerre … “ma sta a noi – prosegue – decidere”, “scegliere” quale strada percorrere.

Dio non abbandona, e anche dopo il tradimento di Adamo ed Eva accompagna l’umanità fino a donare suo Figlio. Il Papa parla della “bellezza” del cuore aperto, come quello di Maria e Giuseppe: “una famiglia che aveva un cuore aperto all’amore”:

Dio cerca la famiglia
“Dios siempre golpea las puertas de los corazones. …
Dio sempre bussa alle porte dei cuori”.

A Dio – aggiunge – “piace bussare alle porte delle famiglie”, trovarle “insieme” e desiderose di cercare altre famiglie: così si crea una società “di bontà, verità e bellezza”. Per Francesco, la famiglia ha una lettera di “cittadinanza divina” ed è fondata “sull’amore, la bellezza e la verità”.

“En la familia hay dificultades, …
Nella famiglia ci sono difficoltà …”.

… le liti, la “stanchezza” – aggiunge – ma è sempre una “fabbrica di speranza, risurrezione e vita”, perché voluta da Dio.

I bambini e nonni
Parla poi dei “bambini e giovani” che sono il futuro, e dei nonni che sono memoria:

“Son los que nos dieron la fe, …
Sono loro che ci hanno dato la fede, che ci hanno trasmesso la fede”.

“Cuidar a los abuelos y cuidar a los niños es la muestra de amor, …
La cura dei nonni – dice – e la cura dei bambini sono il segno dell’amore. Un popolo che non sa come prendersi cura dei bambini e dei nonni è senza futuro, perché – spiega – “non ha la forza e non ha la memoria”.

“Defendemos la familia porque ahí se juega nuestro futuro.
Noi difendiamo la famiglia, perché è in gioco il nostro futuro”.

Il Papa ancora una volta accarezza e consiglia: “Mai bisogna chiudere la giornata con la lite”, fiduciosi che Dio ci incoraggia e ci protegge.

Il murale firmato dal Papa
Dopo l’intervento del Papa, l’arcivescovo della città della Liberty Bell e dei murales, mons. Charles Joseph Chaput, ha parlato di “momento speciale nel tempo, che mai sarà dimenticato”. Sul palco sono stati portati tre pannelli di un gigantesco murale, al quale uomini, donne, bambini e anziani hanno lavorato tutta l’estate e che sarà montato sulla facciata della scuola “San Malachia”. Il Papa ha completato l’opera dando l’ultima pennellata e apponendo la sua firma. Poi l’emozionante esecuzione del Padre Nostro di Andrea Bocelli.

Lottare per la famiglia
Prima della benedizione il Papa ha pregato la Vergine Maria e invocato la protezione di San Giuseppe per le “famiglie” perché – ha detto – “ci aiutino a credere che vale lottare per la famiglia”.
(Da Radio Vaticana)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.