10 dicembre 2016

Voto di scambio, Sen. Giarrusso (M5S): “Nuova legge favorisce i mafiosi e i politici corrotti”

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante la cerimonia inaugurale della Fiera del Levante a Bari, 13 settembre 2014. ANSA/LUCA TURI

“Nuova legge su voto di scambio favorisce i mafiosi e i politici corrotti. Renzi vuole azzerare la lotta alla mafia”. Lo ha dichiarato il Sen. Michele Giarrusso (M5s) ai microfoni della trasmissione “Legge o giustizia”, condotta da Matteo Torrioli, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Sono rimasti soddisfatti dalla riforma dell’anno scorso quelli che hanno commesso il voto di scambio –ha affermato Giarrusso-. La Corte di Cassazione nell’agosto del 2014 ha definito la nuova norma più favorevole al reo. Il reo quindi è soddisfatto della riforma. Con la riforma del 416 ter è stato inserito, al fine di rendere la norma inutilizzabile, un elemento che prima non era richiesto per comprovare il reato e cioè il metodo mafioso. La legge la vogliono così i mafiosi e i politici corrotti. Abbiamo avuto uno scontro con tutta la Procura distrettuale anti-mafia. La Presidente Bindi non accetta che si guardi la realtà, cioè che il partito di cui fa parte ha approvato questa norma che favorisce chi commette il reato di voto di scambio. Quando gliel’abbiamo fatto notare, la Bindi si è alterata e ha detto che non bisogna dare retta alla Corte di Cassazione. La presenza di Ncd nella maggioranza getta delle ombre sulla voglia di questo governo di combattere la mafia, ma io penso che lo stesso  Renzi abbia una sua visione dell’azzeramento della lotta alla mafia che sta portando avanti. Lo dimostra anche il fatto che ha voluto togliere la possibilità di fare indagini serie sulla criminalità organizzata, dimezzando i tempi delle indagini. Lo dimostra anche la limitazione sulla libertà di stampa, con la delega sull’intercettazione. Poi c’è stato il tentativo di abolire l’ergastolo per i capi-mafia che il Pd ha voluto nella riforma del processo penale”.