5 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Sarri: “Domani voglio un Napoli anima e cuore”

Il tecnico azzurro: è una partita che va oltre l’aspetto tecnico, voglio che la squadra interpreti il sentimento della città

“Domani voglio un Napoli anima e cuore”. Maurizio Sarri tra ragione e sentimento nella conferenza stampa di viglia di Napoli-Juventus. Il tecnico azzurro rintraccia la chiave della sfida più sulle corde emotive che su quelle tattiche.

“Contro la Juventus è una gara a parte. Conta relativamente la classifica o il campionato, perchè si tratta di un evento straordinario a se stante per l’attesa che comporta la sfida. So qual è il pensiero della città nei confronti di questa gara e posso assicurarvi che è anche il mio identico pensiero. Per questo vorrei che la squadra andasse oltre la tattica per rendere orgogliosi i nostri tifosi”.

Cosa è cambiato tra il Napoli di Lazio e Bruges e quello contro il Carpi? “E’ cambiato un avversario che ha deciso di difendersi ad oltranza ed è cambiato il fatto che non siamo riusciti a sblocacre la partita a differenza delle due precedenti. Ma sotto il profilo dell’impegno e della mentalità è cambiato poco o nulla perchè ho visto una squadra che si è impegnata dall’inizio alla fine come testimoniano i dati che ho in possesso”.

“I nostri calciatori mercoledì hanno corso in media oltre 12 chilometri a testa, il che significa che c’è stato giusto approccio e tanta volontà dei ragazzi. La squadra è viva e vogliamo dimostrarlo. Non sono preoccupati nè della classifica e nè della condizione. Io sono un allenatore di campo e so che se si lavora bene alla fine possiamo dare il 101 per 100”.

Chi rischia di più domani tra Napoli e Juve? “Siamo appena a settembre e parlare di rischi mi sembra fuori luogo. La Juventu la settimana scorsa ha vinto a Manchester e pensare ad una squadra in crisi davvero mi risulta difficile. Noi siamo reduci da 8 punti in 4 partite compresa l’Europa League e mi sembra una media che a fine stagione possa dare una classifica lusinghiera ottenendo 2 punti a partita. Quindi penso che certe analisi in questo momento siano molto relative”.

De Laurentiis l’ha definita col termine “professore”. “Ringrazio il Presidente, ma io mi sento un tecnico semplice che ama lavorare motlo con la squadra. Sinora i ragazzi stanno facendo grandi progressi, abbiamo tante potenzialità ancora inespresse così come sappiamo di dover limare qualche difetto. La strada è qualla che io ritengo giusta, ho un mio modo di vedere il calcio che è quello propositivo sempre. E sarà questo anche domani con la Juventus”.

Ci sarà la grande spinta del San Paolo al record di presenze stagionali: “Questa partita rappresenta tantissimo per l’immaginario dei napoletani. Io vorrei che i nostri tifosi alla fine del match siano orgogliosi e fieri di noi al di là del risultato. Ripeto, questa è una partita straordinaria come valore intrinseco e vorrei che la squadra interpretasse in pieno il sentimento della città”.

Fonte: sscnapoli.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.