4 dicembre 2016

Omicidio Yara, Avv. Salvagni il legale di Bossetti: “La prova del dna non regge, non vi è alcuna certezza”

“La prova del dna non regge, non vi è alcuna certezza. Insinuazioni su tradimenti moglie e depressione infondate. Bossetti molto provato ma determinato”. Così l’Avv. Claudio Salvagni, legale di Massimo Bossetti, in carcere per l’omicidio di Yara Gambirasio. Salvagni è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Legge o giustizia”, condotta da Matteo Torrioli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Impianto accusatorio. “Le prove in mano all’accusa –ha affermato Salvagni- sono notorie: la traccia di dna rinvenuta sugli slip della vittima, le telecamere che riprenderebbero il furgone di Bossetti nei dintorni della palestra di Brembate, e poi ci sono elementi indiziari di contorno. Ad esempio hanno detto che la moglie di Bossetti forse aveva degli amanti e ciò avrebbe causato al muratore di Mapello una depressione che lo avrebbe indirizzato verso la ragazzina. Quest’ultimo elemento è impossibile e lo abbiamo dimostrato. Laddove ci fossero state delle relazioni extraconiugali, sarebbero avvenute in epoche molto lontane dal fatto. E poi sarebbe la prima volta che un tradimento si tramuterebbe in una furia omicida nei confronti di una ragazzina innocente”.

Il dna. “Il dna deve essere certo –ha dichiarato Salvagni- ci deve essere un’identificazione che sia certa. E quand’anche vi fosse questa certezza, abbiamo la prova sulla scena del crimine di una persona. Altra cosa è l’aver commesso il delitto. Ma comunque la cosa più importante che stiamo cercando di sottolineare è che nel caso di questo dna non vi è alcuna certezza. La mancanza della parte mitocondriale di questo dna fa sì che quel dna è una cosa che in natura non esiste. Non c’è spiegazione del motivo per cui nel dna rintracciato sugli slip di Yara manchi un elemento. E’ come se a una persona mancasse tutta la parte posteriore. Ovviamente questo non è possibile. E’ un elemento monco che non può essere usato per accusare una persona di omicidio. Quando verranno sentiti i Ris e i genetisti, capiremo se e dove ci sono degli errori. Nel contraddittorio tra i nostri consulenti e quelli della Procura, capiremo se quell’elemento sarà oggettivo, serio e incontrovertibile”.

Il furgone. “L’altro ieri –ha spiegato Salvagni- è stato sentito il comandante dei carabinieri di Brescia che ha ricostruito tutta la vicenda investigativa. Ha raccontato che le telecamere riprendono il furgone di Bossetti per 6 volte nei dintorni della palestra. Questo è quanto dice la Procura, adesso dobbiamo andare a controllare i filmati con i nostri consulenti”.

‘Chi l’ha visto’ parla di un’indagine sulla morte di altri due giovani in zona e di una macchina rossa. “Sono state fatte indagini in quella direzione che a un certo punto si fermano –ha affermato Salvagni-.  Dobbiamo scoprire perché questo filone d’indagine è stato abbandonato. Onestamente, non so perché sia stato abbandonato. In questo momento del processo, voglio stare ai fatti, non alle fantasie. Non faccio indagini su altri. Devo concentrarmi al massimo su tutta l’attività investigativa nei confronti del mio assistito”.

L’umore di Bossetti. “L’altro ieri Bossetti è stato seduto di fianco ai noi della difesa, è stato molto attento all’udienza –ha raccontato Salvagni-. E’ provato perché il carcere non è un luogo di vacanza, è durissima la vita lì. E’ determinato a dimostrare la sua innocenza”.