5 dicembre 2016

Energia, a Torino il primo impianto in Europa che la produce depurando l’acqua

Sarà il primo impianto di taglia industriale in Europa che consentirà di ottenere energia ad alta efficienza sfruttando la tecnologia delle celle a combustibile ad ossidi solidi (Sofc- Solid oxide fuel cell), il primo al mondo alimentato dal biogas ottenuto dalla depurazione delle acque, quello che verrà realizzato grazie al progetto europeo Demosofc, presentato oggi al Castello del Valentino, a Torino.

Il progetto è coordinato da Massimo Santarelli, docente del Dipartimento Energia del Politecnico di Torino e prevede un partenariato di 5 istituti di ricerca e aziende europei: Politecnico di Torino e Gruppo Smat per l’Italia, l’azienda finlandese Convion Oy, produttrice di sistemi Sofc, il centro di ricerca finlandese Vtt ed infine l’Imperial college of science, technology and medicine (Londra). Il progetto ha un budget complessivo di circa 5.9 milioni ed è finanziato dall’Unione Europea con 4.2 milioni nell’ambito del programma Horizon 2020, piattaforma Fch-J (Fuel cell and hydrogen joint undertaking).

L’impianto Demosofc vedrà impiegati tre moduli fuel cell in grado di produrre in cogenerazione 175 kiloWatt elettrici e 90 kW termici, con un’efficienza elettrica del 53% e verrà installato nell’impianto di trattamento acque reflue Smat di Collegno (To), dove attualmente il biogas è prodotto dalla digestione anaerobica dei fanghi di depurazione delle acque reflue urbane.

L’impianto Demosofc a fuel cell garantirà la fornitura di circa il 30% del fabbisogno elettrico del sito Smat di Collegno (To), attualmente coperto interamente dalla rete, e del 100% del fabbisogno termico. L’impianto impiegherà la tecnologia Sofc (Solid oxide fuel cell), ovvero le celle a combustibile ad ossidi solidi che funzionano a circa 800 gradi e che possono essere alimentate anche direttamente a gas metano o a biogas. Le Sofc rappresentano la tecnologia più efficiente tra le varie tipologie di fuel cell disponibili. Demosofc si propone di portare la tecnologia alla scala industriale, fornendo un prodotto/processo pronto per la commercializzazione. Al momento i componenti utilizzati nel processo vengono prodotti principalmente da aziende tedesche, inglesi, italiane, americane e giapponesi, “quindi appare evidente il forte interesse industriale su questo nuovo mercato che, grazie anche alle sinergie messe in atto dalla Agenzia europea Fch Ju, pone in prima linea la collaborazione tra l’Accademia e l’Industria”.

A livello di utilizzo finale, l’applicazione tecnologica trova la sua collocazione principale negli impianti per il trattamento delle acque reflue. Attualmente sono già in funzione degli impianti similari soprattutto in California. Tali impianti però utilizzano gas naturale (principalmente metano) e non biogas (gas che deriva dal trattamento delle acque la cui composizione è varabile) considerato fino ad oggi come scarto di questi impianti.

“Questo progetto vuole rappresentare un caso emblematico, su taglia industriale, che renda evidente agli operatori del settore ed alla società nel suo complesso i vantaggi energetici delle celle a combustibile- spiega il coordinatore del progetto, Massimo Santarelli, docente del Dipartimento Energia del Politecnico- infatti, dal confronto di un impianto Sofc con i principali competitori, utilizzati nella quasi totalità dei contesti industriali, ovvero Ice (Internal combustion engine, motore a combustione interna) e Gt (Gas turbine, turbina a gas), nell’ambito di taglie inferiori al MegaWatt, si profilano efficienze elettriche dell’ordine del 53% rispetto a valori che oscillano tra il 35 – 38% e il 30 – 35%. Sul piano del recupero di calore, i numeri collocano il sistema SOFC in una posizione analoga a quella dei motori di pari taglia”.

Quindi, l’interesse energetico “è molto rilevante- sottolinea Santarelli- nel contempo, queste tecnologie sono molto più competitive anche in termini di emissioni contaminanti (aspetto ecologico)”.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.