11 dicembre 2016

MotoGP – Aragon, Dovizioso ottavo e Iannone nono

I due piloti del Ducati Team, Andrea Dovizioso e Andrea Iannone, hanno concluso la prima giornate di prove del GP di Aragón rispettivamente all’ottavo e al nono posto.

Nella sessione di FP1 del mattino Dovizioso aveva ottenuto il sesto posto, mentre il suo compagno di squadra Iannone aveva chiuso in decima posizione.

Al pomeriggio le FP2 sono iniziate con una temperatura decisamente più alta rispetto al mattino, e i due piloti italiani verso la fine della sessione sono entrati in pista con pneumatico posteriore morbido. Dovizioso, con il tempo di 1’48”575 si è piazzato in ottava posizione mentre Iannone, con un crono di 1’48”615, ha chiuso in nona posizione.

Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 1’48”575 (8°)

“Non è stata una grande giornata per noi, anche se il distacco dalla seconda posizione non è poi così alto. Oggi pomeriggio abbiamo incontrato qualche difficoltà e non siamo riusciti a girare quanto avremmo voluto. Stiamo lavorando sull’elettronica ed in particolare sulle mappature, ma non siamo ancora riusciti a trovare una soluzione che ci soddisfi del tutto e questo non ci ha permesso di fare il solito lavoro di rifinitura sul set-up. In ogni caso siamo positivi e adesso lavoriamo per cercare di essere più competitivi domani.”

Andrea Iannone (Ducati Team #29) – 1’48”615 (9°)

“Non sono molto contento del mio tempo ma alla fine, considerando anche le mie condizioni fisiche, credo di avere ottenuto il massimo. La spalla mi fa male ed è inutile negarlo, ma mi sono già trovato a gestire una situazione simile quest’anno e conto di riuscirci al meglio anche qui. Oggi non ho preso nessun antidolorifico: domani vedremo come mi sento e se necessario prenderò qualcosa, perché sarà difficile riuscire a gestire tutto il week-end così. Sarà comunque fondamentale migliorare le nostre prestazioni in pista, perché siamo un po’ indietro ed il mio tempo di oggi non mi soddisfa.”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.