7 dicembre 2016

Ciarambino: “La rete dell’emergenza in Campania è la vera emergenza”

Stamattina ho avuto l’onore di partecipare al convegno promosso dall’APET sullo stato dell’emergenza in Campania, con particolare riferimento al servizio del 118. Sono andata come presidente della Commissione Trasparenza, che ha tra gli altri anche il compito del controllo sull’utilizzo dei fondi della spesa sanitaria, per intessere una rete con questa parte della società civile perché invii alla commissione gli input e le segnalazioni di aspetti su cui indagare, fare trasparenza e far emergere illeciti. Ma sono andata soprattutto come consigliere regionale, eletta dai cittadini col mandato di lavorare per il bene comune, e membro della commissione Sanità, perché credo che la politica debba essere anzitutto ascolto. Sono andata per ascoltare e approfondire le criticità insieme a chi quotidianamente le vive e fa sacrifici enormi per continuare a garantire un servizio essenziale, salvavita, per iniziare insieme a loro un percorso che consenta anche di individuare le soluzioni migliori, delle quali intendo farmi portavoce in seno al Consiglio. Mancanza di criteri organizzativi uniformi, scarsi mezzi, precariato, mancanza di turn over ed età elevata degli operatori, strumentazione insufficiente o inadeguata, turni di lavoro massacranti, mancanza di informazione e di integrazione col sistema ospedaliero sono solo alcuni dei problemi emersi. Mi ha sconcertata l’assenza del presidente della giunta e del presidente della commissione Sanità rispetto a un ambito della sanità così critico e determinante. Per qualcuno la politica è ascolto e servizio. Dovremmo pretenderlo da tutti i politici, altrimenti perché sono stati eletti?

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.