10 dicembre 2016

“Woman in Gold”: il 15 ottobre al cinema

Dal 15 ottobre l’attrice premio Oscar Hellen Mirren torna a stupire con un nuovo, intenso personaggio nel film “Woman in Gold” diretto da Simon Curtis.

Il film racconta la storia vera di Maria Altman, una rifugiata ebrea che cerca di ottenere giustizia per riparare al grave danno subito dalla sua famiglia. Sessant’anni dopo essere stata costretta a scappare da  Vienna insieme al marito durante la Seconda Guerra Mondiale, intraprende un viaggio reale e spirituale per entrare in possesso dei beni indebitamente sottratti alla sua famiglia dai nazisti, tra cui il famoso dipinto Ritratto di Adele Bloch-Bauer a cui è particolarmente legata.

Assieme al giovane e capace avvocato Randy Schoenberg (Ryan Reynolds), Maria decide di imbarcarsi in una battaglia legale che la porterà dal cuore dell’establishment austriaco fino alla Corte Suprema Americana, portandola ad affrontare il passato e le sue conseguenze.

Quello della requisizione e del saccheggio delle opere d’arte è un tema ciclico nella storia: l’arte è sempre stata considerata un trofeo unico per dittatori, regimi totalitari o invasori. Attraverso il saccheggio o l’appropriazione di un simbolo di identità e libertà, qual è l’opera d’arte, si è da sempre dimostrata la supremazia e la potenza di un popolo su un altro.

In “Woman in Gold” si racconta dell’emblematico caso del Ritratto di Adele Bloch-Bauer, ma numerosi furono i dipinti e le opere d’arte sottratti indebitamente alle famiglie ebree dai nazisti in quel periodi. Nel corso della Seconda Guerra Mondiale si stima che le opere d’arte saccheggiate dai musei dei Paesi europei occupati dalla Wehrmacht, o trafugati alle famiglie e collezionisti dal Terzo Reich, ammontino a circa 1500 opere d’arte. Un vero e proprio tesoro dal valore inestimabile, che continua ad aumentare con nuovi ritrovamenti e nuove scoperte tra cui si annoverano capolavori di alcuni dei grandi maestri della pittura del XIX e XX secolo tra cui Matisse, Emil Nolde, Franz Marc, Otto Dix, Max Beckmann, Paul Klee, Oskar Kokoschka, Ernst Ludwig Kirchner e Max Liebermann.

Non tutte purtroppo sono state ritrovate: dopo essere stata trafugata dai nazisti, la Testa del Fauno scolpita da un giovanissimo Michelangelo è data per scomparsa. Adolf Hitler promulgò a questo scopo una legge di confisca, definita dell’“arte corrotta” il 31 maggio 1938. Per il numero delle opere trafugate, per il valore e per l’ufficialità data con la creazione di una legge ad hoc, il periodo del nazismo detiene sicuramente il primato di questa pratica.

Curtis si è appassionato alla storia di Maria e ne ha parlato a Christine Langan, direttrice di BBC Films. “La storia ha un potenziale enorme, perché chiama in causa la Seconda Guerra Mondiale, l’Olocausto e l’America contemporanea”, racconta Curtis, reduce dal debutto alla regia con MARILYN per BBC Films e the Weinstein Company. “Maria Atlmann e il dipinto di Klimt sono a mio avviso emblematici di tutto il XX secolo. Entrambi nascono nell’età d’oro di Vienna, all’inizio del secolo, ed entrambi finiscono negli Stati Uniti, all’imbrunire del secolo Americano”.