6 dicembre 2016

Roma – Panecaldo, PD: “Marino? I romani lo rimpiageranno”

Fabrizio Panecaldo, capogruppo del Partito Democratico in Consiglio Comunale, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Diverse le tematiche affrontate dal capogruppo del Partito Democratico, a partire da quello che è stato ribattezzato come “Emendamento Gassmann”: “Mi dispiace che sia stato ribattezzato così, sono dieci anni che provo ad inserirlo in qualche delibera. La cosa è abbastanza semplice, noi non andiamo a sostituire con questo emendamento il lavoro che fa Ama, che è stata riorganizzata in 350 microzone. Ci sono da sempre comitati, cittadini e commercianti che vorrebbero contribuire e non si era mai trovato lo strumento giuridico uniforme su tutti i municipi. Con questo emendamento abbiamo detto che comitati di quartiere o commercianti che adottino un marciapiede e che si impegnino a pulirlo sottoscriveranno un contratto civico in cui si impegnano a fare opere di decoro in cambio di una sponsorizzazione da parte dell’amministrazione che può essere tecnica o simbolica, anche se simbolica fino a un certo punto”.

Spiega Panecaldo: “Sottoscrivendo il contratto civico l’Ama deve verificare puntualmente  se tutti gli appartamenti e tutti i negozi pagano o meno la Tari. Se nel contratto civico con i cittadini o i commercianti si rinviene un’opera di decoro complessa l’amministrazione si può determinare in una sponsorizzazione che a quel punto non sarebbe solo simbolica. Una cosa del genere può creare qualche piccolo posto di lavoro? Non vorrei dirlo, ma in realtà è così. Quando le situazioni saranno più complesse una cosa del genere potrà sicuramente accadere. Non è un modo surrettizio di creare nuovi posti di lavoro, ma un modo di far capire ai volontari che li apprezziamo talmente tanto che se possiamo aiutarli anche da questo punto di vista lo vogliamo fare. Dobbiamo lavorare molto alla compartecipazione dei cittadini, io non lo dico perché altrimenti poi scatenerei polemiche, non vogliamo dare posti di lavoro in nero, ma se un ragazzo di un’associazione su base volontaria dovesse ricevere qualche centinaio di euro per mantenersi gli studi sarebbe una bella cosa“.

Un’ultima battuta su Marino: “Sono d’accordo con chi pensa che i romani un giorno rimpiangeranno Marino. Noi riceviamo ogni giorno tantissime critiche, alcune giuste, alcune infondate. Stiamo facendo quello che per anni non si è avuto il coraggio di fare. Roma diventerà una città virtuosa, alla fine il nostro lavoro sarà valutato, magari tra dieci anni, quando la storia ci darà ragione.