5 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Allegri: «Dobbiamo crescere velocemente»

Il tecnico bianconero non vuole sentir parlare di mancanza di qualità in questa Juve, dopo il pareggio per 1-1 maturato allo scadere contro il Frosinone. «La squadra ha sbagliato solo la gestione del finale di partita, ma ha tirato 50 volte e fatto 70 occasioni da gol. In questo momento prendiamo gol alla prima occasione. Il calcio d’angolo alla fine della partita non si concede»

Questa, in sintesi, la disamina di Massimilano Allegri del pari che ha fatto allontanare ulteriormente la prima gioia interna in campionato, oltre che la Signora dalla vetta. «Più che arrabbiato sono dispiaciuto, ma rimango lucido nel vedere le cose: è un passaggio normale che questa squadra deve fare, anche se andrebbe fatto con la vittoria».

«Continuiamo a forzare le giocate quando si deve rallentare, e stiamo pagando con punti lasciati per strada», ha aggiunto il mister ai microfoni di Mediaset Premium e Sky. «La crescita deve però avvenire con le vittorie e non con gli errori, che paghiamo. Ci vuole pazienza e tempo quando hai giocatori con certe caratteristiche, mi riferisco ai giocatori giovani. Dobbiamo lavorare per migliorare la squadra e portarla a certi livelli: dobbiamo crescere, se no restiamo una squadra che può vincere con tutti e perdere con tutti».

L’unico rammarico del tecnico toscano, oltre al calcio d’angolo finale, è quindi l’eccessiva lentezza, in queste fasi, dell’evoluzione sul piano caratteriale e della gestione del gioco. «Sono arrabbiato perché dobbiamo crescere velocemente, ma le prestazioni di squadra al momento dicono che solo la partita di Roma è stata negativa».

Da ultimo, una spiegazione sul cambio di modulo a metà gara, quando sono entrati Chiellini e Dybala e la squadra è passata al 3-5-2-.

«L’ho fatto per allargare la difesa del Frosinone e sfruttare le caratteristiche giocatori in sovrapposizione, oltre ad essere più solidi difensivamente», ha concluso Allegri, sottolineando come le occasioni siano aumentate nella ripresa. «Ho preferito alzare Alex Sandro e Cuadrado. Bisognava solamente andare a colpo sicuro e chiudere l’azione. A Genova è stato lo stesso: non possiamo forzare sempre le giocate. Sono dispiaciuto per i ragazzi, ma la crescita della squadra in questo momento non è come deve essere».

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.