7 dicembre 2016

Roma – Zanni, M5S: “Italia non in grado di gestire i flussi migratori, riunioni europee inconcludenti”

“Italia non in grado di gestire i flussi migratori. Riunioni europee inconcludenti, i leader le disertano. Solidarietà Ue non esiste, ogni Stato fa i suoi interessi. Apertura Germania solo a siriani va oltre il razzismo”. Lo ha detto l’eurodeputato del Movimento 5 Stelle Marco Zanni (membro Commissione Affari economici e monetari) ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo”, condotta da Fabio Stefanelli, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

“Noi –ha affermato Zanni- abbiamo sempre detto che la risposta all’emergenza immigrazioni non può essere solo nazionale ma concertata a livello europeo. Bisogna assolutamente fare una revisione del trattato di Dublino, che è un documento folle sottoscritto dalle stesse forze politiche che oggi lo contestano, come Forza Italia, Lega e Pd. Il Pd oggi è al governo e ancora non ha fatto nulla per rivederlo. Il M5S sul tema immigrazione ha proposto una delegazione ufficiale del Parlamento europeo in Sicilia per andare a verificare il mal utilizzo dei fondi dedicati alla gestione delle strutture di accoglienza e il fatto che l’Italia non è in grado di sobbarcarsi questo problema da sola. I flussi migratori sono ingestibili dall’Italia, vengono perpetrate frodi sulla gestione dei fondi europei per l’accoglienza. Ma io non credo che l’Europa, per come è oggi, sia in grado di rispondere a questa emergenza”.

Le riunioni tra i rappresentanti degli stati membri finiscono sempre con un nulla di fatto –ha affermato Zanni-, perché vige la regola dell’unanimità e se anche un solo Stato mette il veto su un provvedimento, il provvedimento non si può fare. Molto spesso ai vertici non partecipano le massime autorità, bensì gli ambasciatori, quindi persone non elette ma nominate dai governi, senza alcun potere decisionale. Sistematicamente negli anni abbiamo visto il mancato rispetto dei trattati europei da parte degli Stati membri. Non parliamo poi di solidarietà, che non è mai esistita fra gli Stati dell’Unione. L’Europa in realtà non è Europa, perché ogni Stato fa i propri interessi. Tutto ha un prezzo, quindi gli Stati membri cercano di portare acqua al proprio mulino e avvantaggiarsi rispetto agli altri”.

“Hanno applaudito la Merkel perché ha aperto le frontiere della Germania, salvo poi ricredersi il giorno dopo –ha dichiarato Zanni-. E comunque ha voluto aprire le frontiere solo ai richiedenti asilo provenienti dalla Siria, perché sono quelli più scolarizzati e meno poveri. Scappano dalla guerra, non perché vivono nella povertà. E’ passata inosservata un’intervista dell’Amministratore delegato dell’azienda che costruisce le Mercedes che ha applaudito l’apertura della Merkel perché ha bisogno di manodopera istruita che costi meno dei dipendenti tedeschi. Ci sono Paesi europei che possono scegliersi quali richiedenti asilo accogliere e quali respingere. Questo va oltre il razzismo”.