7 dicembre 2016

Intercettazioni, On. Cirielli (FDI): “Legge bavaglio? Stop ai giornalisti tangentari e a chi utilizza intercettazioni per lotta politica”

Legge bavaglio? Soldi dello Stato non possono essere usati per sputtanare le persone. Stop ai giornalisti tangentari e a chi utilizza intercettazioni per lotta politca. Riforma del processo penale contiene tutto e il contrario di tutto, la delega in bianco al Governo non mi piace”. Lo ha detto il deputato di Fratelli d’Italia Edmondo Cirielli, ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

“Noi come Fratelli d’Italia –ha affermato Cirielli- siamo convinti che lo strumento investigativo delle intercettazioni sia insostituibile e anzi bisognerebbe potenziarlo. Quello che spaventa e indigna è l’utilizzo non giudiziario delle intercettazioni. Se io commetto un reato e finisce nelle intercettazioni è giusto che queste prove vengano rese pubbliche. Ma se con i soldi dello Stato, per scoprire un reato si viene a sapere che due persone sono amanti, non va bene. Voglio che qualche giornalista , a cominciare dal Direttore di Repubblica, mi spieghi per quale motivo queste intercettazioni debbano essere rese pubbliche se non costituiscono reato. Se queste cose vengono a conoscenza dell’opinione pubblica in maniera casuale è un conto, se invece la privacy viene violata con i soldi dello Stato è un altro conto. Con i soldi dello Stato non si possono ottenere notizie personali che non costituiscono reato. Lo Stato non ha diritto di sputtanare le persone anche se hanno un ruolo importante, deve perseguirle se commettono reati. Sarebbe sbagliatissimo se, per comprimere questo abuso delle notizie non rilevanti, si finisse con provvedimenti che colpiscono lo strumento d’indagine. Credo che la cosa più logica sia di punire, non con il carcere, ma economicamente e professionalmente, i giornalisti che pubblicano notizie riservate che non hanno valore giudiziario. In America fanno il giornalismo d’inchiesta su comportamenti politicamente scorretti. Se invece si danno mazzette ai funzionari per carpire notizie, non fai il giornalista d’inchiesta, ma fai il tangentaro”.

Intercettazioni strumento di lotta politica. “L’intercettazione non giuridicamente rilevante –ha spiegato Cirielli- può diventare uno strumento formidabile per la lotta politica. Perché c’è chi ha mezzi finanziari per corrompere e fare fuori l’avversario di turno. In Italia poi i giornali sono in mano a grossi colossi finanziari. Un industriale, editore di un giornale, può dire: ‘quel ministro lo dimettiamo perché non c’è simpatico e diamo i soldi all’avvocato che ha in mano le carte per sputtanarlo’. Entriamo in un aspetto patologico della democrazia con la scusa del diritto all’informazione”.

Riforma del processo penale. “Sulle intercettazioni –ha dichiarato Cirielli-, Renzi si fa dare una delega dal parlamento che diventerà una pistola puntata contro i giornalisti piuttosto che contro la legislatura. E’ una delega in bianco, io sono contrario. Poi nel complesso, tutta la riforma del processo penale contiene cose positive: si aumentano pene per furto e rapine; ma anche negative: si allargano le maglie del sistema carcerario, a favore anche di criminali incalliti e plurirecidivi. Il carcere deve rieducare le persone, ma questo non significa rimetterli in libertà se sono recidivi. E’ una norma che contiene tutto e il contrario di tutto e delega troppo al governo. Il parlamento, soprattutto in maniera penale, non va privato delle sue competenze”.

La manifestazione Atreju 2015 a Roma. “E’ una cosa bella –ha affermato Cirielli-, organizzata da un’associazione che sta intorno a Giorgia Meloni ancor prima che diventasse leader. Rimane un forum d’idee dove da sempre esponenti della sinistra hanno un’accoglienza principesca e la fanno da padrone dal punto di vista culturale. Ci piace molto il confronto perché ci arricchisce. Noi sul piano socio-economico non siamo un partito conservatore, siamo la destra sociale. Vogliamo che ci sia uno stato aperto, democratico e progressista dal punto di vista dei valori sociali. Il tema di quest’anno sarà l’identità e sovranità, che possono coesistere con un mondo di pace, cultura e integrazione, dove ognuno porta la propria identità”.

About Ruggero Terlizzi 2878 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it