7 dicembre 2016

Rugby – Lega Irfl (rugby a 13), la Nazionale affidata ufficialmente alla coppia Rotilio-Marini

Il Consiglio Federale della Lega Italiana Rugby Football League, tenutosi nello scorso fine settimana, ha preso una decisione molto importante sulla guida della Nazionale del rugby a 13: la scelta è caduta su una coppia di primissimo livello, quella composta da Pierpaolo Rotilio e Riccardo Marini. «E’ un onore aver ricevuto questo incarico – ha sottolineato a caldo Rotilio – ma al tempo stesso anche una grande responsabilità. Ereditiamo una Nazionale cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi tempi anche grazie al certosino lavoro dell’ex commissario tecnico Ty Sterry. In questo senso è stata una fotografia perfetta la splendida prestazione dell’Italia del rugby a 13 nel test match contro la formazione di BARA (British Asian Rugby Association, ndr), disputato nello scorso mese di maggio. Per tutto il movimento, e conseguenzialmente anche per il cammino della Nazionale, sarà fondamentale radicarsi ulteriormente nel territorio in modo tale da valorizzare i tanti talenti italiani che non vengono sufficientemente “coltivati” per tutta una serie di motivazioni». Se Pierpaolo Rotilio, che ha un curriculum di grandissimo spessore nel rugby a 15, si è addentrato recentemente nel rugby a 13 col suo Gran Sasso, Riccardo Marini invece viene proprio dal rugby league “puro” nel senso che è stato protagonista alla guida dei Gladiators che si sono laureati cinque volte campioni d’Italia prima del successo di quest’anno (guarda caso) proprio del Gran Sasso e tra l’altro aveva già affiancato non ufficialmente Sterry tempo fa. «Non vedo l’ora di cominciare, è una grande soddisfazione per me l’approdo in Nazionale. I margini di crescita del nostro movimento sono notevoli e mi auguro che l’Italia possa essere lo specchio di questi passi avanti nei prossimi impegni internazionali».
La Lega Italiana Rugby Football League intende ringraziare, anche pubblicamente, l’ormai ex commissario tecnico Ty Sterry che ha avuto un ruolo fondamentale nel percorso della Nazionale e in generale del rugby a 13 italiano: se gli azzurri sono diventati già una realtà a livello internazionale, lo si deve anche al lavoro di un professionista esemplare come Sterry.