10 dicembre 2016

6 Ore Austin – Ancora un podio per Rigon e la Ferrari in GTE-Pro

Prosegue la striscia di risultati positiva per Davide Rigon che sul tracciato di Austin, teatro del quinto appuntamento del Campionato del Mondo FIA WEC, ha conquistato in coppia al team-mate James Calado un nuovo podio, consolidando la seconda posizione nel Mondiale Piloti.

Il week-end della 6 Ore del Circuito delle Americhe era iniziata sotto la migliore stella per il talentuoso driver veneto che durante il primo turno di prove libere aveva portato la Ferrari 458 GTE-Pro #71 del team AF Corse al comando della classifica, confermandosi nelle posizioni di vertice anche nei restanti turni. Un turno di qualifiche sotto le aspettative costringe i due equipaggi AF a chiudere in sesta e settima posizione, coi Campioni del Mondo davanti ai compagni di box per poco più di 1 dec. Al via della maratona di 6 Ore, Davide è il primo a calarsi nell’abitacolo della #71. Portate in temperature le gomme il portacolori veneto inizia la rimonta consegnando la 458 Italia a Calado in quinta posizione. Nel suo stint l’inglese porta avanti il lavoro iniziato da Davide, conquistando la quarta piazza ai danni della Aston Martin, prima di restituire il volante al compagno che vola verso il nuovo podio stagionale. Un risultato molto importante sia per Davide che per la Ferrari, che ci conferma al comando della Classifica Costruttori.

Davide Rigon “Ancora un podio e un risultato importante che ci permette di confermarci al secondo posto nella classifica piloti. Purtroppo abbiamo perso nuovamente dei punti nei confronti dei nostri diretti avversari della Porsche. Sono contento del mio ritmo. Purtroppo un inconveniente legato alla portiera ha rallentato i nostri compagni della #51. Sono sicuro che anche nei prossimi appuntamenti potremo lottare per il podio, anche se la vittoria resta il nostro sogno”

Il week-end dell’11 ottobre il Circus del FIA WEC si trasferirà in Giappone, per la 6 Ore del Fuji

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5994 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.