4 dicembre 2016

Sbk, Jerez: la pagella del Dicos

CHAZ DAVIES 9,5: La moto è cresciuta molto rispetto ad inizio anno così come anche il gallese. Il finale di stagione è impressionante, da media titolo. In gara uno si piega solo all’azione di Sykes, ma nella seconda manche sono gli altri a doversi piegare alla sua velocità. I successi diventano cinque. La seconda piazza iridata inizia a concretizzarsi così come il ruolo di favorito per il prossimo anno. Efficace!

TOM SYKES 7: E’ passato con estrema facilità e rapidità dal ruolo di mattatore della prima manche a quello di autore anonimo della seconda. Se vince ai punti il confronto con il compagno di squadra, perde quello più importante con Davies. D’accordo l’acuto, ma in Sbk conta anche la costanza, caratteristica che quest’anno gli è mancata. Il solito!

JONATHAN REA 10: Le prestazione a Jerez sono state un pizzico sotto tono ma quando c’è in ballo la vittoria finale, è plausibile. La Ninja nelle sue mani è diventata una spada affilata, in grado di incidere su ogni tracciato. Al di là dei numeri, l’aspetto da evidenziare è l’elevata competitività del pilota inglese in ogni occasione. E’ stato sin da subito il riferimento per tutti, l’uomo da battere. Finalmente!

LEON HASLAM 6,5: Il bottino parla di una quinta piazza e di un gradino del podio. A ben vedere il fine settimana del rider di Derby non è proprio positivo, non solo perché in gara due arriva dietro a chi guida la stessa moto. Da lui mi aspetto una maggiore presenza nella lotta per il vertice. Sotto tono!

DUCATI: La moto è lontana parente di quella di inizio stagione. La Panigale inizia ad essere una temibile avversaria.

KAWASAKI: Una vittoria ed un titolo mondiale nella giornata dove le verdone sono un pelino in difficoltà, testimoniano l’enorme potenziale delle Ninja. Per rimanere al vertice, però, occorrono nuove soluzioni.

APRILIA: Gara dopo gara aumenta, seppur minimamente, il divario con le prime della classe. I due podi dell’ultimo round non nascondono il fatto che la vittoria è un’emozione che manca da un po’ di mesi. Forza!

HONDA: Il podio di Van Der Mark è solo un lampo che per un istante fa luce in una situazione che, agonisticamente, rimane buia.

SUZUKI: Stessa situazione della Honda ma senza lampo.

MADE IN ITALY: Il podio della seconda manche è l’emblema di cosa è in grado di realizzare il genio italiano. Quando vogliamo, quando ci vengono dati i mezzi per esserlo, siamo i migliori!

RAFFAELE DE ROSA e RICCARDO RUSSO: Due assi campani nelle prime quattro posizioni della Superstock 1000 sono tanta ma tanta roba. Bravi ragazzi!

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.