7 dicembre 2016

Mondiale Superbike – Jerez de la Frontera, il report Sbk Aprilia

Si chiude con due Aprilia RSV4 sul podio il weekend Superbike a Jerez de la Frontera.
In Superstock 1000 FIM Cup, solo un punto separa Lorenzo Savadori e la sua Aprilia del Team nuova M2 dalla vittoria di campionato, dopo il terzo posto conquistato oggi in gara.

Nella Superbike l’idolo di casa Jordi Torres, che scattava dalla seconda fila, in Gara1 ha avuto qualche difficoltà in frenata fin dai primi giri, ritrovandosi nel mezzo del gruppo e dovendosi accontentare del dodicesimo posto finale. Grande rimonta per Leon Haslam, partito dodicesimo e transitato quinto al traguardo.

In Gara2 i piloti Aprilia Racing Team – Red Devils si sono mossi molto bene allo spegnimento del semaforo, con Jordi terzo e Leon in quinta posizione. Senza forzare, su una pista incandescente, hanno mantenuto un ritmo costante con particolare attenzione alla gestione delle gomme. Fattore che, da metà corsa in poi, ha permesso loro di sopravanzare gli avversari fino alla seconda posizione per Jordi Torres, seguito dal compagno di squadra Leon Haslam. Non sono mancate le emozioni all’ultima curva, con Leon che ha forzato la staccata tentando il sorpasso, manovra non risuscita ma altamente spettacolare.

Jordi Torres: “Sono molto felice del risultato di Gara2, ci tenevo davvero a fare bene qui in casa. Il team ha lavorato in maniera perfetta, io ci ho messo il 100% ogni volta che sono sceso in pista. Da metà corsa in poi ho dovuto cambiare un po’ stile di guida per assecondare l’usura delle gomme, con questo caldo era molto difficile ma nelle prove abbiamo lavorato sul setting proprio in vista di questo problema. In Gara1 sono partito bene ma alla prima curva ho messo la folle e sono andato lungo, ho provato poi a recuperare ma non avevo feeling con il freno anteriore e mi sono dovuto accontentare di raccogliere punti per il campionato”.

Leon Haslam: “Le condizioni di Gara2 ci hanno aiutato, abbiamo lavorato per risolvere i problemi di ieri e ci siamo riusciti. Se dopo le FP3 ero convinto di poter vincere entrambe le gare, dopo la Superpole mi sarei accontentato di un podio vista la posizione di partenza. Sono riuscito a partire bene e rimontare in entrambe le gare, nella prima pero’ facevo fatica in uscita dalle curve lente. In Gara2 abbiamo sistemato questa fase ma il podio non è stato comunque facile, visto che già dopo 9 giri le gomme hanno iniziato a calare ed era facilissimo commettere un errore. Sono contento di questo podio, non ci salivo da Misano, ed avere due Aprilia lì sopra è una meritata soddisfazione per la squadra”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.