Parte l’anno sociale 2015/16 dell’Asd Circolo Culturale Parco Azzurro: l’invito di Alfredo Di Costanzo

Nell’estate del 1998, quando avevo 14 anni, dopo una parentesi di cinque anni, la mia famiglia decise di lasciare la città di Pescara per ritornare nell’amata Napoli. Il Parco Azzurro diventava, così, la mia nuova casa.

12047230_10206025240923324_22307480_nTra le prime cose che mi colpirono di questo parco nella periferia orientale, furono le tante strutture sportive che facevano da contorno alle abitazioni. Dal campo di calcio, a quello di basket, dal campo di tennis a quello di pattinaggio, senza dimenticare le palestre, una discoteca ed una sala biliardo; insomma mi sembrava di vivere in un villaggio sportivo.

Vuoi perché ho sempre amato lo sport, vuoi perchè era un modo per socializzare, decisi di iscrivermi al corso di basket; ebbi modo, così, di conoscere tanti amici e apprezzare la bontà delle strutture presenti. Nel corso degli anni ho avuto modo di entrare a far parte del direttivo del “circolo” che gestisce gli impianti presenti, sia come consigliere sia come tesoriere.

Purtroppo, complici sia il calo di natalità sia una gestione poco lungimirante da parte di alcuni, si è creato uno stato di abbandono che ha portato al minimo storico il numero di soci. L’anno scorso un gruppo di amici mi ha chiesto le mie idee per rilanciare l’Asd Circolo Culturale Parco Azzurro, visto che per quasi trent’anni ne sono stato socio.

Quelle idee colpirono la loro attenzione e mi chiesero, così, di candidarmi per ricoprire il ruolo di presidente della Asd Circolo Culturale Parco Azzurro. La proposta subito mi lusingò, anche se, sinceramente, non sapevo come avrei potuto coniugare le mie esigenze lavorative con quelle del nuovo incarico.

Mi ha fatto accettare la nuova sfida il desiderio del gruppo che si stava formando di riportare i giovani al centro del progetto, con i meno giovani sempre parte integrante. Così ad ottobre del 2014 inizia la mia nuova avventura nelle vesti di presidente.

La prima cosa che ho fatto è stata assicurare la Sala Polivalente; chiunque frequenta i nostri locali, deve avere la certezza che nulla è lasciato al caso, neanche la gestione di un eventuale infortunio. I successivi passaggi sono stati indirizzati all’attuazione delle idee svelate ai miei amici. Idee che si riassumono nel concetto di coinvolgere coloro che hanno voglia di vincere insieme la sfida del rilancio.

Si è creata, così, una squadra che definisco favolosa, perché composta di donne e uomini che impiegano per mero spirito di volontariato energie e risorse per migliorare e far crescere quello che era una volta un circolo ammirato in tutto il quartiere Ponticelli. Certo, sono stati commessi alcuni errori, ma amo ricordare che solo chi non opera non sbaglia; diciamo che il primo anno è servito per comprendere al meglio alcuni meccanismi.

12048863_10206025240683318_301293412_nSiamo giunti, quindi, al nuovo anno sociale che inizia oggi. Per salutarlo e illustrare quali saranno le attività sportive, ludiche e culturali che lo caratterizzeranno, abbiamo deciso di fare una grande festa. Grazie alla tenacia, entusiasmo, grinta, caparbietà e talento di Eleonora, Rosanna, Marilena, Ketty, Paola, Fortuna, Gennaro, Rosario, Genny, Pasquale, Antonio, Marco, Raffaele, Salvatore e Daniele, posso dire, con un pizzico di orgoglio, che non poteva esserci un inizio anno migliore.

Mentre guardavo i numerosi bambini giocare e divertirsi, pensavo a me ragazzino, quando timidamente ricominciavo a conoscere la realtà napoletana; il destino ha voluto regalarmi l’onore di presiedere un “circolo” che ha alle sue spalle più di trent’anni di storia. Festeggiare, poi, nel giorno del santo patrono della città, che ancora una volta ha mostrato il proprio amore per i suoi cittadini con l’avvenuto miracolo, credo sia di buon auspicio.

Personalmente il “circolo” ha portato fortuna; il mio primo articolo l’ho scritto per il mensile “Il Cerchio”, velina di inizi anni novanta curata dall’allora consigliere Paolo Cocchia. Così ho scoperto il fascino del giornalismo. Mia intenzione è creare un laboratorio informativo dove metterò a disposizione la mia professionalità per chi ha voglia di scoprire le nuove frontiere giornalistiche.

Vi invito, allora, a farci visita e scoprire le attività che abbiamo in programma. Soprattutto vi invito a portare le vostre idee per rilanciare l’Asd Circolo Culturale Parco Azzurro. Siamo una grande squadra che, sono sicuro, diventerà ancora più bella con la vostra partecipazione. Ad maiora!

loading...
loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8067 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.