11 dicembre 2016

A Roma la Metro è a misura di disabile? No!

Claudio Palmulli e Simone Carabella da anni si stanno battendo per rendere Roma a misura di disabile. Hanno iniziato correndo per strada “macinando” chilometri su chilometri chiedendo che ogni essere umano abbia gli stessi diritti e la stessa possibilità di muoversi autonomamente per la capitale.

Il 14 novembre dello scorso anno insieme ad altri ragazzi in carrozzina era stato organizzato un tour nella metro per toccare con mano la reale difficoltà di chi non può usare le gambe per muoversi ( VEDI IL VIDEO ) dimostrando una situazione davvero drammatica e in alcuni casi discriminante. La speranza, dopo l’annuncio del Giubileo, che qualcosa potesse cambiare c’era come l’annuncio dell’inizio dei lavori per il montacarichi nella stazione Flaminia che avrebbe reso accessibile piazza del Popolo e di fatto il centro di Roma. ( VEDI IL VIDEO )

Proprio per verificare l’andamento di lavori, come dice Simone nel video all’assessore Improta, la coppia dei diritti ha deciso di fare l’ennesimo tour sabato scorso, ma il trattamento a cui sono stati sottoposti li ha lasciati non solo basiti e senza parole ma “arrabbiati” e delusi delle false promesse fatte.

Siamo partiti dalla stazione Laurentina – ci dicono al telefono – per arrivare ad Ottaviano, dove c’era il montacarichi ma non un bagno adatto ai disabili, abbiamo proseguito verso piazzale Flaminio dove purtroppo non c’era l’ombra del famoso montacarichi.”

Vista l’urgenza di andare in bagno, Simone, come ha sempre fatto, ha iniziato a tirare su per le scale la carrozzina ma al terzo gradino sono stati bloccati da due guardie giurate e in seguito da due agenti della polizia locale e dal personale dell’Atac. “Siamo stati fermati perché non era possibile salire così e ci hanno consigliato di fare un percorso alternativo confermando quindi,  secondo noi,  l’inadeguatezza della stazione.”

“Inoltre – ci dice Claudio – oltre a sentirmi mortificato perché mi hanno fatto sentire veramente diverso dagli altri, un cittadino di serie B lasciato praticamente allo sbando, ci hanno chiesto i documenti e identificato come se fossimo due terroristi pronti a lanciare un imminente attacco. Due addetti della sicurezza dell’Atac ci hanno poi praticamente scortato fino alla stazione di partenza, Laurentina,  e seguiti fino alla macchina con relativa foto alla targa e a Simone.”

Abbiamo concluso il viaggio in macchina fino a casa di Claudio – dice Simone – nel più completo mutismo perché non avevamo le parole per commentare l’accaduto, nella mente solamente le immagini di una rissa tra nomadi proprio nella metro in cui nessuno è intervenuto, forse perché troppo presi a scortare i “terroristi delle barriere architettoniche.”

Dalle parole di Claudio e Simone sentiamo tanta amarezza anche perché nei giorni scorsi il Presidente della Repubblica Mattarella aveva annunciato dalla residenza di Castelporziano, che durante l’estate ha ospitato circa 500 disabili, che “è ora che l’Italia si impegni per “abbattere le barriere architettoniche” che impediscono ai disabili di fruire di ogni esperienza di vita al pari di tutti.” A dirlo è stata la massima autorità in Italia, conterà forse qualcosa? Crediamo e speriamo di si.