4 dicembre 2016

Mondiale Sbk – Jerez, report Aprilia Superpole

Dopo aver fatto segnare il miglior tempo nella terza sessione di prove, Jordi Torres ha portato la sua Aprilia RSV4 RF in seconda fila col quinto tempo nella Superpole di Jerez de la Frontera. Il pilota iberico, quinto nel Mondiale e miglior debuttante del 2015, ha tutte le carte in regola per inserirsi tra i protagonisti nelle due gare di domani, compito non facile visti i distacchi irrisori registrati durante tutti i turni di prova.

L’altro lato del box Aprilia Racing Team – Red Devils, il numero 91 di Leon Haslam, ha incontrato maggiori difficoltà nella sessione decisiva. Il pilota inglese ha mostrato un buon ritmo in tutte le prove, anche con gomma usata, portando avanti un buon lavoro in previsione gara. Ma le maggiori temperature del pomeriggio (45 gradi sull’asfalto) hanno creato qualche grattacapo a Leon, che non è riuscito a ripetere in Superpole quanto fatto durante le precedenti qualifiche. Per lui si preannuncia una gara in rimonta, dopo aver analizzato assieme ai tecnici le migliori soluzioni da adottare sulla RSV4.

SUPERSTOCK 1000 FIM CUP

Qualifica emozionante per il Team Nuova M2 in Superstock 1000. Lorenzo Savadori, leader della classifica in sella alla Aprilia RSV4 RF, scatterà dalla terza fila per il suo primo assalto al titolo, dopo essere scivolato nelle fasi iniziali della sessione. Savadori deve conquistare il podio per essere Campione con un round di anticipo. Sesto posto per la wildcard Alessandro Andreozzi e settimo Kevin Calia, sempre su Aprilia RSV4 RF.

Jordi Torres: “Per noi questo è un buon fine settimana, anche se sono ancora un po’ a limite con l’anteriore. Quando provo a spingere ogni errore diventa fatale, ma nel complesso ho un buon ritmo. Partire quinto non è male, l’importante sarà rimanere incollato ai migliori fin da subito e lottare con loro. Il podio non è il mio primo obiettivo: voglio restare nel gruppo di testa fino alla fine, imparando da quelli davanti, poi il risultato arriverà in automatico”.

Leon Haslam: “Dopo le FP3 ero molto contento, ho percorso la durata di gara con le gomme mantenendo un buon ritmo e facendo segnare il miglior “ideal time”. Nel pomeriggio, con l’aumento delle temperature, abbiamo invece avuto molte difficoltà. Dobbiamo pensare a qualcosa per domani, se riusciro’ a ritrovare il feeling delle FP3 potremo fare bene nonostante la partenza in quarta fila”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5933 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.