4 dicembre 2016

Il fine settimana perfetto di Maurizio Bottalico

Nella vita di un pilota il fine settimana, di solito, coincide con il massimo della tensione e del godimento. Il sabato e la domenica possono essere forieri di grandi gioie così come di grandi amarezze. Questo week end per Maurizio Bottalico è stato quello perfetto. Il sabato, sul tracciato di Airola Gianni De Luca, al suo corso erano presenti 45 “alunni” con altrettanto due ruote da saper domare nelle situazioni al limite. La domenica, poi, dopo dieci mesi di stop, sul Circuito del Sele di Battipaglia ha vinto, al termine di duelli agguerriti con i rider Yari Montella e Paolo Grassia, la gara della categoria Street Motard del Campionato Centro Sud Italia di Supermoto.

Insomma, di più non poteva fare: “Beh – dice con un sorriso Bottalix 40 – mi è andata di lusso. Ad Airola, durante i quattro turni suddivisi in base all’esperienza, è stato piacevole far capire ai partecipanti il giusto approccio ai cordoli, per migliorare la guida al limite e avere maggiore esperienza sia per le sfide con il cronometro, sia per scansare le insidie della strada. A Battipaglia, invece, mi sono battuto per due manche con Yari e Paolo. Grazie anche ad un pizzico di esperienza in più, ho centrato una doppietta che mi ha entusiasmato molto. Purtroppo l’anno scorso mi sono infortunato e per dieci mesi sono stato lontano dalle competizioni. Ritornare ad assaporare le sfide con altri piloti e vincerle è stato semplicemente fantastico”.

Bottalico è consapevole che dietro ogni successo c’è tanto lavoro, non solo il suo: “Ringrazio – afferma – tutti coloro che mi hanno sostenuto in questi mesi. Il tecnico delle sospensioni Loris Oliva, il motorista Alex Motorsport, gli sponsor Hatlex, You Biker, Veneroso Gomme, 5Five Gloves e Bike.it sono stati al mio fianco anche questo fine settimana”.

Foto: Raffaele Freda

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5936 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.