6 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Iachini: “Andiamo a San Siro per giocarcela”

“In questa fase non conta il punto in piu’ o in meno, ma la crescita della squadra – afferma il tecnico rosanero Giuseppe Iachini nella conferenza stampa alla vigilia della sfida col Milan – I risultati contano per l’entusiasmo. Noi abbiamo un percorso di crescita. Due gol subiti col Carpi? Paradossalmente e’ la partita in cui abbiamo rischiato meno, hanno fatto tre tiri in porta, con maggiore attenzione potevamo mettere la partita sui binari giusti”.”Affrontiamo un Milan con grandi individualita’ – ha proseguito il mister dei rosanero – Mihajlovic sta dando una sua identita’ alla squadra. San Siro e’ un ambiente importante. Noi andremo per giocarcela e fare risultato, ma servira’ una partita perfetta perche’ al minimo errore ti puniscono. Voglio vedere una squadra organizzata che sappia fare bene il possesso palla e non. L’anno scorso abbiamo fatto benissimo, proviamo a ripeterci”. Sul duo d’attacco: “Vazquez sta crescendo, ha iniziato bene. Contro squadre schiacciate come il Carpi trovi tanti avversari davanti e non e’ facile, ma ha l’atteggiamento giusto, si allena pure bene. Idem Gilardino, speriamo di averlo in fretta nelle migliori condizioni possibili. Non diamogli troppe responsabilita’ da subito comunque, lavoriamo e aspettiamo i tempi normali”.
“Penso una partita per volta – ha affermato Iachini in vista del turno infrasettimanale – ora voglio le migliori soluzioni. Abbiamo ancora l’allenamento di domani per verificare la condizione di qualche ragazzo come Rigoni. Penso a questa partita, non alla seconda che verra’. Maresca? Conosce alla perfezione la squadra, nessuna strada e’ preclusa per nessuno. Si valuta in base alla gara, all’andamento della partita. Domenica ci e’ servito per fare girare la palla. Di volta in volta vedremo”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5961 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.