2 dicembre 2016

Francesco: Chiesa sia madre, non associazione rigida

Pope Francis waves to faithful as he is driven through the crowd with his popemobile in St. Peter's Square prior to the start of his weekly general audience at the Vatican, Wednesday, April 10, 2013. (AP Photo/Gregorio Borgia)

“Figlio, ecco la tua Madre”. Papa Francesco ha sviluppato la sua omelia muovendo dalla straordinaria parola che Gesù sulla Croce rivolge “al discepolo che Egli amava e a Maria”. E subito, commentando il Vangelo odierno, sottolinea che “non si può pensare Maria senza pensarla madre”.

Gesù non ci lascia orfani, abbiamo una Madre che ci protegge
Al tempo stesso, ha proseguito, “la sua maternità si allarga nella figura di quel nuovo figlio, si allarga a tutta la Chiesa e a tutta l’umanità”:

“In questo tempo dove non so se è il principale senso ma c’è un grande senso nel mondo di orfanità, (è) un mondo orfano, questa Parola ha un’importanza grande, l’importanza che Gesù ci dice: ‘Non vi lascio orfani, vi do una madre’. E questo anche è il nostro orgoglio: abbiamo una madre, una madre che è con noi, ci protegge, che ci accompagna, che ci aiuta, anche nei tempi difficili, nei momenti brutti”.

Chiesa sia madre tenera, non associazione senza calore umano
I monaci russi, ha rammentato, dicono che “nei momenti delle turbolenze spirituali dobbiamo andare sotto il mantello della Santa Madre di Dio” e così la madre “ci accoglie e ci protegge e si prende cura di noi”. Ma “questa maternità di Maria – ha ripreso – possiamo dire che va oltre Lei, è contagiosa”. Dalla maternità di Maria viene una seconda maternità, la “maternità della Chiesa”:

“La Chiesa è madre. E’ la nostra ‘santa madre Chiesa’, che ci genera nel Battesimo, ci fa crescere nella sua comunità e ha quegli atteggiamenti di maternità, la mitezza, la bontà: la Madre Maria e la madre Chiesa sanno carezzare i loro figli, danno tenerezza. Pensare la Chiesa senza questa maternità è pensare a un’associazione rigida, un’associazione senza calore umano, orfana”.

Senza maternità, rimane solo rigidità e disciplina
“La Chiesa è madre e ci riceve a tutti noi come madre: Maria madre, la Chiesa madre”, una maternità che “si esprime negli atteggiamenti di umiltà, di accoglienza, di comprensione, di bontà, di perdono e di tenerezza”:

“E dove c’è maternità e vita c’è vita, c’è gioia, c’è pace, si cresce in pace. Quando manca questa maternità soltanto rimane la rigidità, quella disciplina, e non si sa sorridere. Una delle cose più belle e umane è sorridere a un bambino e farlo sorridere”.

“Il Signore – ha concluso il Papa – ci faccia sentire anche oggi quando Lui un’altra volta si offre al Padre per noi: ‘Figlio, ecco la tua madre!’”.

(Da Radio Vaticana)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5914 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.