10 dicembre 2016

Discussi in Commissione Infrastrutture il collegamento tranviario tra le Piazze Municipio e Vittoria

In Commissione Infrastrutture sono stati discussi oggi il tema del prolungamento del tram da Piazza Municipio a Piazza Vittoria e quello della dismissione dei depositi Anm, in particolare del deposito Stella Polare. Hanno partecipato i vertici e i responsabili tecnici della società Anm e della Metropolitana di Napoli.

Come ha sottolineato aprendo la riunione il presidente Giovanni Formisano, si tratta, soprattutto riguardo al primo punto, di un intervento molto sentito dai cittadini, per il quale non esistono particolari impedimenti tecnici e che, tuttavia, non è stato ancora realizzato nonostante l’impegno di stimolo della Commissione a partire dal 2011, mentre una valenza più strategica ha la dismissione del deposito di Stella Polare che potrebbe essere destinato a Terminal per i bus turistici.
La prima parte della riunione ha visto gli interventi di critica di molti dei consiglieri presenti che hanno stigmatizzato l’assenza, ripetuta, dell’assessore alle Infrastrutture Calabrese, assenza dovuta, oggi, come comunicato dal presidente Formisano, ad una riunione presso la Regione sul problema trasporti (Aniello Esposito, Parisi, Moretto). In molti interventi è stata anche sottolineata l’opportunità di un coinvolgimento, soprattutto sulle questioni inerenti alla dismissione dei depositi, degli assessori al Patrimonio Fucito e al Bilancio Palma. Nel merito, i consiglieri intervenuti hanno: espresso forti perplessità sia sul prolungamento del tram, che si sovrapporrebbe alla linea 6 della metropolitana, che sui criteri in base ai quali sono stati scelti i depositi Anm da dimettere (Aniello Esposito); auspicato una rapida conclusione per i lavori sulla linea filoviaria (i tecnici Anm hanno assicurato che il completamento del percorso della linea R4 sarà a cavallo tra 2015 e 2016) per uno snellimento del traffico e la destinazione del deposito di Stella Polare ai bus turistici, insieme ad una ZTL per gli stessi (Parisi); fortemente criticato le scelte di politica dei trasporti attuate negli anni che hanno, ad esempio, nel caso della linea tranviaria di Via Poggioreale, devastato Via Stadera, e la persistenza del cantiere di Piazza Municipio della metropolitana che ha determinato anche numerosi incidenti (Moretto); auspicato un più produttivo rapporto tra l’amministrazione e il Governo in ragione dell’attenzione che, anche in termini finanziari questi ha dedicato al Comune e, sul tema dei trasporti, uno sforzo nella direzione della loro valenza strategica ai fini dello sviluppo (Borriello); criticato le politiche governative in tema di trasporti e scuola (Sgambati); chiesto chiarimenti sull’effettivo impedimento alla realizzazione della tratta tranviaria Piazza Municipio Piazza Vittoria (Grimaldi).
Sulle varie problematiche sono intervenuti prima l’Amministratore Unico Anm Ramaglia e poi gli ingegneri della stessa società, che lo accompagnavano, nonché il geometra Marino della Metropolitana di Napoli. Sulla dismissione dei depositi, che, come ha sottolineato l’ingegnere Ramaglia, non fanno parte del patrimonio dell’azienda ma sono concessi dal Comune alla stessa per l’esercizio, le opzioni sui depositi da dimettere, compreso quello di Stella Polare, sono dettate da esigenze economiche e di efficienza dei trasporti, come nel caso del deposito di Posillipo e di quello di Fuorigrotta, già dimessi. Il mantenimento del deposito di Carlo III, ad esempio, è particolarmente funzionale alle linee filotranviarie che hanno proprio nei paraggi i principali stazionamenti. Per quanto riguarda il prolungamento della linea tranviaria da Piazza Municipio a Piazza Vittoria, l’azienda non ha nessun problema dal momento che l’intervento è realizzabile tecnicamente, con l’accordo della Metropolitana che potrebbe mettere a disposizione una “soletta” che consenta, anche su un solo binario, l’attraversamento del cantiere della Linea1; questo intervento permetterebbe tra l’altro all’azienda di rimettere in esercizio i vecchi tram, che non hanno la doppia trazione, e che attualmente sono utilizzati sono sulla linea del tram n. 2.. Il tecnico della stessa Metropolitana ha assicurato che l’intervento è fattibile, mancando solo l’autorizzazione del dipartimento Infrastrutture del Comune per la sua realizzazione, mentre ha comunicato che i tempi di conclusione del cantiere Piazza Municipio della metropolitana sono vicini avendo la sovrintendenza recentemente autorizzato la rimozione degli ultimi reperti archeologici rinvenuti negli scavi.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.