9 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Sarri: “Squadra in crescita, meritavamo il successo”

Il tecnico azzurro: dobbiamo evitare distrazioni in difesa ma ho avuto segnali positivi come prestazione generale

“Il Napoli ha dato segnali di crescita, meritavamo il successo anche se abbiamo commesso delle ingenuità”. Maurizio Sarri sceglie la lettura positiva per il pareggio a Empoli. Napoli che ha rimontato e che ha sfiorato il sorpasso dominando nel secondo tempo.

“La squadra ha fatto ulteriori passi in avanti rispetto alle prime due partite. Dopo lo sbandamento iniziale abbiamo giocato 70 minuti di ottimo livello, ho visto progressi sotto il profilo del gioco ed anche quello mentale. In questo momento va bene così, ma certamente dobbiamo subire meno reti sennò poi andiamo n difficoltà. I ragazzi danno indicazioni e segnali positivi, oggi mi interessa vedere più i passi in avanti che i risultati perchè se giochiamo in un certo modo possiamo esprimere il nostro potenziale al massimo in futuro”.

“La difesa anche sta trovando più equilibrio, abbiamo sbagliato subito in avvio e abbiamo preso gol, ma nel complesso la sensazione è che stiamo trovando maggiore solidità”.

“Onestamente nel secondo tempo pensavamo di poter vincere e meritavamo il successo. Si sono creati presupposti per segnare e abbiamo subìto praticamente zero.Vanno fatti i complimenti all’Empoli perchè ha giocato 20 minuti strepitosi come ritmo in avvio, poi però abbiamo meritato più noi sotto il profilo della prestazione”.

“Nell’ultima mezzora ci siamo messi col 4-3-3 e la squadra ha risposto bene, abbiamo interpreti in attacco che possono darci alternative importanti di gioco e questa è certamente una soluzione che può essere preziosa”.

Sul gol di Pucciarelli. “Non credo fosse regolare l’azione perchè Saponara si è aggiustato il pallone con il braccio. Il primo gol è nato da una nostra ingenuità, ma il secondo è anche frutto di una valutazione arbitrale non corretta”

Fonte:sscnapoli.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.