10 dicembre 2016

Iannone e Dovizioso chiudono il Gran Premio TIM di San Marino al settimo e all’ottavo posto

Il Gran Premio TIM di San Marino e della Riviera di Rimini è stato caratterizzato dalle mutevoli condizioni meteo, che hanno dato vita ad una gara ricca di colpi di scena. Pochi giri dopo il via infatti è iniziata a scendere la pioggia, diventata sempre più insistente col passare del tempo, e quindi i piloti sono rientrati ai box per il cambio moto. Verso metà gara la pista si è però asciugata ed i piloti sono dovuti rientrare ai box una seconda volta per uscire nuovamente in pista con moto in assetto da asciutto.

Alla partenza Iannone è scattato bene dalla terza fila ed è transitato sul traguardo del primo giro in quinta posizione. Salito al quarto posto nel corso del sesto giro Andrea si è poi fermato ai box nella tornata successiva ed è uscito nuovamente in pista con la moto da bagnato. Il pilota di Vasto ha poi ancora sostituito la moto al diciottesimo giro ed ha iniziato una rimonta che lo ha portato al settimo posto a quattro giri dalla fine, posizione che ha mantenuto fino al traguardo, difendendola dagli attacchi del compagno di squadra.

Dovizioso, partito anch’egli dalla terza fila, ha percorso i primi cinque giri in settima posizione, ed è salito al primo posto nel corso della settima tornata, prima di fermarsi a sostituire la propria moto con quella da bagnato all’ottavo giro. Rientrato in pista in ottava posizione, il pilota romagnolo è transitato settimo sul traguardo del sedicesimo giro e dopo tre tornate si è fermato nuovamente ai box per ripartire con la moto con setting da asciutto. Dovizioso, rientrato in pista al tredicesimo posto, è poi ritornato in ottava posizione a quattro giri dalla fine, ed ha concluso così la sua gara.

Decisamente sfortunata la gara di Michele Pirro, pilota collaudatore del Ducati Test Team e iscritto alla gara come wild card, che partiva dalla seconda fila grazie all’ottimo quinto posto ottenuto in qualifica ieri. Il pilota pugliese ha avuto un problema tecnico sulla griglia di partenza ed è stato costretto a partire dai box con la seconda moto, preparata per le condizioni di bagnato. Dopo nove giri Pirro si è però dovuto ritirare con le gomme da pioggia completamente usurate dall’asfalto asciutto.

Nella classifica generale Iannone si conferma in quarta posizione con 159 punti, mentre Dovizioso viene superato da Smith e scende nuovamente al sesto posto, con 128 punti.

La Ducati e il Ducati Team sono adesso al terzo posto nella classifica costruttori ed in quella riservata ai team.

Andrea Iannone (Ducati Team #29) – 7°

“E’ stata una gara molto complicata. All’inizio non andavo male, avevo abbastanza confidenza con la moto e stavo provando ad attaccare Pedrosa. Poi quando ha iniziato a piovere la situazione si è complicata perché non era facile girare con le slick in queste condizioni di asfalto che non era né asciutto né bagnato. Una volta cambiata la moto le gomme rain si sono rovinate subito, addirittura prima che la pista si asciugasse e la mia moto tendeva a scomporsi in accelerazione ed era pertanto molto difficile da controllare. Purtroppo ho sbagliato il momento del secondo cambio moto, ritardandolo troppo e probabilmente il mio risultato finale sarebbe stato diverso se avessi deciso di entrare prima. Sicuramente la prossima volta starò più attento alle segnalazioni del box, facendo tesoro dell’esperienza di oggi.”

Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 8°

“Un vero peccato e mi dispiace tantissimo per la squadra perché abbiamo perso una occasione importante che potevamo sfruttare al meglio, ma purtroppo ho adottato una strategia sbagliata. Tutti e due i cambi moto non li ho fatti nel momento giusto, e mi prendo la responsabilità: mi dispiace molto, perché si poteva fare un gran bel risultato. Ci servirà certamente come esperienza per il futuro, ma è sempre complicato capire quando è il momento più giusto per rientrare ai box e cambiare la moto.”

Michele Pirro (Ducati Team #51) – ritirato

“Diciamo che oggi evidentemente non era la mia giornata. Era stato un weekend perfetto fino alla gara, ma in griglia la moto non è partita a causa di un problema tecnico e sono dovuto partire dalla corsia dei box con la moto da bagnato. Avrebbe potuto essere una grande giornata per me, perché mi sentivo bene e ci tenevo tanto, ma è mancato qualcosa per chiudere il cerchio! Le moto sono fatte di componenti e oggi un componente di questi ci ha privato della soddisfazione di poter fare la gara con i migliori. Sono chiaramente deluso ma guardo avanti, ringrazio i ragazzi che hanno fatto un lavoro perfetto. Per me che non ho molte occasioni di gareggiare in MotoGP, oggi forse c’erano le condizioni per fare davvero bene, ma si vede che devo soffrire ancora un po’!”

Luigi Dall’Igna (Direttore Generale di Ducati Corse)

“Possiamo dire che è stata una gara difficile, condizionata dalla condizioni meteo in continuo cambiamento. Alla fine la scelta del momento in cui rientrare per cambiare gomme ha fatto la differenza sul risultato finale. Purtroppo entrambi i nostri piloti hanno deciso di rientrare un po’ troppo tardi, anche traditi dal nuovo asfalto del circuito che non permette di capire chiaramente dove sia asciutto o meno. Rimane il fatto che verso la fine avevamo un buon passo e se avessimo azzeccato anche la strategia, forse la gara dei nostri due piloti avrebbe avuto un esito diverso. Un vero peccato il ritiro di Pirro, che aveva finalmente l’occasione per dimostrare tutto il suo valore e poteva fare una bellissima gara. Purtroppo un inconveniente tecnico, di cui mi scuso con lui, ha pregiudicato la possibilità per Michele di ottenere un risultato importante.”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5993 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.