Moto2 – Zarco detta legge anche a Misano

Il francese consolida la sua leadership e dopo la pole conquista anche la sesta vittoria stagionale.

Un altro ‘backflip’! Johann Zarco (Ajo Motorsport) omaggia il pubblico accorso con una prestazione maiuscola, andando a vincere il Gran Premio TIM di San Marino e della Riviera di Rimini 2015. Per il francese, si tratta del sesto successo stagionale che gli premette di eguagliare i connazionali Arnaud Vincent, Olivier Jacque and Christian Sarron a quota 7 in totale.

Scattato dalla pole position, il 25enne di Cannes ha subito preso il comando della gara dopo essersi sbarazzato di Dominique Aegerter (Technomag Racing Interwetten) con una sportellata al limite. Da quel momento è iniziata la sua cavalcata trionfale, costantemente sul passo impressionante di 1’37”. Gran partenza dello svizzero, che dalla seconda fila ha insidiato il leader prima di esser incolpevolmente abbattuto da Alex Rins (Paginas Amarillas HP 40).

Gara da dimenticare per il rookie. Prima centra l’incolpevole elvetico nelle prime battute della corsa compromettendo l’esito per entrambi. Poi, già doppiato, ostacola Corsi e Folger che si stavano giocando il podio con Rabat. A nulla è servito l’intimazione di cedere 2 posizioni; dopo una tornata è arrivata la decisione della Race Direction di esporre ai suoi danni la bandiera nera.

Piazza d’onore per Tito Rabat (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS). Il campione del mondo in carica non parte benissimo, eppure si rende autore di una rimonta fatta di sorpassi decisi ma corretti culminata nel secondo gradino del podio a scapito del tenace Takaaki Nakagami (IDEMITSU Honda Team Asia): il nipponico mancava all’appuntamento col podio da 2 anni esatti, sempre qui a Misano.

Giù dal podio il primo degli italiani. Simone Corsi (Forward Racing) chiude quarto assoluto dopo esser gravitato a lungo in seconda posizione, prima di subire il ritorno dei rivali. Stoica anche la prestazione del suo compagno di squadra Lorenzo Baldassarri il quale, nonostante la spalla messa male a causa della botta presa ieri, stringe i denti e conquista addirittura il suo miglior risultato in carriera con la settima posizione assoluta.

Tra i due team-mate, oltre al già citato Jonas Folger (6º), lo spagnolo Julian Simon (QMMF Racing) centra la Top 5 facendo segnare il miglior risultato odierno per la Speed Up. Sfortunata invece la gara dell’inglese Sam Lowes (Speed Up Racing) costretto al ritiro a 9 giri dalla fine. Cortese, Salom e Luthi chiudono la Top 10.

Tra i ritirati figurano anche i due piloti del team Italtrans Racing: Federico Caricasulo (sostituto dell’infortunato Franco Morbidelli) scivola senza conseguenze a otto tornate dal traguardo; il finlandese Mika Kallio, vice-Campione del 2014, risolve consensualmente il rapporto con la struttura di Luigi Pansera.

Fonte: MotoGP.com

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 7677 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.