8 dicembre 2016

La Commissione Trasparenza su Pizza Village, cimitero Miano e completamento forno crematorio

La Commissione Trasparenza ha approfondito oggi una serie di questioni legate all’organizzazione delle edizioni 2014 e 2015 della manifestazione Pizza Village, al bando di imminente pubblicazione per l’assegnazione di nuovi loculi al cimitero di Miano e ai lavori per la costruzione del crematorio. Alla riunione hanno partecipato gli Assessori al Commercio Enrico Panini, ai Cimiteri Alessandro Fucito e i dirigenti della Polizia Amministrativa Caterina Cetrangolo, del Servizio Cimiteri Andrea De Giacomo e Bruno Ricci in rappresentanza del Direttore generale dei Servizi Finanziari Raffaele Mucciariello.

Il presidente della Commissione, Andrea Santoro, ha introdotto il primo punto all’ordine dei lavori ricordando gli approfondimenti già svolti nel corso di precedenti riunioni su una serie di aspetti relativi all’organizzazione della edizione 2014 della manifestazione Pizza Village.
Sulla questione dell’invio agli uffici della rendicontazione da parte del soggetto organizzatore dell’edizione precedente e sull’eventuale pagamento dell’integrazione dovuta al canone di occupazione di suolo, la dirigente Cetrangolo ha informato dell’esistenza di un carteggio tra il suo ufficio, la Ragioneria e l’Avvocatura, carteggio incentrato sostanzialmente sulla sussistenza o meno dell’obbligo di integrazione del quantum versato. Su invito del presidente Santoro, la dirigente ha comunque assicurato l’invio di una relazione scritta alla commissione sugli ulteriori sviluppi della vicenda.
Relativamente all’edizione di quest’anno della stessa manifestazione, il presidente Santoro ha rappresentato l’interesse della commissione a verificare il rispetto delle previsioni contenute nella delibera di riferimento, la n. 560 del 13 agosto scorso, a partire dal versamento anticipato del corrispettivo dovuto per l’occupazione di suolo e del pagamento dei servizi resi a privati da parte della Polizia Municipale. Il Comandante del Corpo, Ciro Esposito, ha informato che la liquidazione dei servizi resi dalla Polizia Municipale, (in applicazione della previsione che consente ai privati di avvalersi a proprie spese del servizio degli agenti in regime di lavoro straordinario), è correttamente avvenuta, mentre, sul fronte delle trasgressioni, l’unica violazione accertata e regolarmente sanzionata ha riguardato un’eccedenza di occupazione di suolo. Tutti gli altri enti controllanti intervenuti successivamente (Asl, Nas ed altri) non hanno registrato alcuna violazione. L’Assessore Panini ha poi risposto alle denunce del consigliere Fiola sul diverso trattamento riservato a soggetti diversi che hanno presentato le proprie candidature ad organizzare l’evento. Su questo aspetto, l’Assessore Panini ha chiarito che sono diverse le procedure, ed anche i soggetti (in un caso l’assessorato, in un altro la segreteria del Sindaco) che esaminano le proposte, quelle relative all’intera città e quelle relative al Lungomare. Sull’esistenza di eventuali errori relativi alla protocollazione formale delle domande, Panini ha assicurato ulteriori approfondimenti e successive comunicazioni alla commissione, mentre, relativamente all’osservazione sollevata dal consigliere Parisi, che ha ritenuto incongruo il prezzo fissato per il ticket, giudicato eccessivo nel raffronto con i prezzi mediamente praticati, l’assessore ha ricordato la libertà lasciata a ciascuno di prendere o meno parte ad una manifestazione in base alla valutazione delle proprie possibilità.
La prima parte della riunione dedicata alla manifestazione Pizza Village è stata quindi conclusa dalla richiesta di approfondimenti, anch’essi assicurati dall’assessore Panini, sulla partecipazione tra gli sponsor dell’azienda Molino Caputo, azienda non ammessa invece tra gli sponsor del Palio dei Presepi in quanto, come comunicato allo stesso consigliere, parte di un contenzioso in atto con la stessa Amministrazione comunale.
Sui lavori al cimitero di Miano, primo dei sei cimiteri cittadini interessato dagli interventi di ampliamento, l’Assessore al ramo Alessandro Fucito ha annunciato l’apertura del cantiere per martedì prossimo,15 settembre. Nel frattempo, è imminente la pubblicazione all’albo pretorio del bando per la commercializzazione dei nuovi loculi che il concessionario assegnerà in base alle tariffe fissate dal Comune ed approvate dal Consiglio comunale. Gli acquirenti, che potranno scegliere tra varie tipologie di spazi con prezzi che variano da un minimo di 1800 ad un massimo di 3800 euro, dovranno versare all’atto della domanda di acquisto un anticipo pari al 40% della somma totale. Una novità questa che, unita alla previsione dell’obbligo di produzione dei certificati di stato di famiglia e residenza, intende prevenire il fenomeno della “mercificazione” degli spazi, fenomeno ampiamente verificato e che ha visto l’Amministrazione protagonista in questi mesi di un’intensa attività di contrasto.
Sulla pubblicizzazione del bando, il dirigente De Giacomo ha ricordato la scelta di rinviare a questi giorni la pubblicazione ufficiale per evitare che la stessa avvenisse nel mese di agosto, anche se “volantini” con la notizia della vendita dei nuovi spazi, distribuiti ai frequentatori del cimitero, hanno fatto già registrare sette richieste di acquisto. Su questo aspetto i consiglieri intervenuti hanno osservato: il bando va pubblicizzato nel modo più ampio e chiaro possibile, per andare incontro alla platea di interessati che sono in questi giorni alla ricerca affannosa di notizie dopo anni di attesa (Guangi); anche se la convenzione con il concessionario è stata definita da tempo, sarebbe stato opportuno prevedere agevolazioni a favore delle persone più disagiate (Fiola); il concessionario ha l’obbligo di pubblicizzare correttamente tempi e modalità di acquisto, così che all’errore compiuto, che ha di fatto anticipato la richiesta di alcuni, va posto rimedio equiparando queste alle domande che saranno presentate dopo la pubblicazione del bando e la sua pubblicizzazione nelle sedi delle Municipalità interessate (Grimaldi). Sul punto ha concordato anche il presidente Santoro, invitando l’Assessore Fucito a pubblicizzare nel modo più preciso e puntuale possibile le diverse tipologie di spazi disponibili con i relativi prezzi e le modalità di acquisto.
Nell’ultima parte della riunione, la Commissione ha affrontato l’argomento del completamento del forno crematorio, la cui trattazione era stata sollecitata dal consigliere Moretto il quale ha espresso, anche dopo le relazioni illustrative dell’assessore ai Cimiteri Fucito e del dirigente del servizio Cimiteri cittadini De Giacomo, forti perplessità in merito alla procedura adottata per il completamento del forno crematorio con ulteriore finanziamento, senza una nuova gara, dell’appalto a favore della ditta che già opera in loco per il consolidamento del Fondo Zevola.
L’assessore Fucito ha ribadito l’impegno al completamento dell’opera, che ha acquisito il carattere della priorità anche alla luce dell’alto numero di famiglie che scelgono la cremazione (con percentuali arrivate al 55, 60% del totale) sobbarcandosi i costi maggiori dovuti al trasporto fuori Comune delle salme per la cremazione. Il dirigente del servizio De Giacomo ha illustrato nel dettaglio il contenuto della delibera approvata dalla Giunta Comunale il 13 agosto scorso che ha per oggetto l’ individuazione degli interventi che consentono l’ultimazione del crematorio comunale e delle opere pertinenti. Ha ricordato che nel 2009 due opere distinte, la costruzione del forno e la sistemazione di 5mila fosse di interro in ampliamento del cimitero di Poggioreale nella zona “Fondo Zevola” furono oggetto di un unico affidamento e di un unico finanziamento, in seguito utilizzato in gran parte per il consolidamento della collina del Fondo Zevola che tracimava per le forti piogge del 2012. L’attuale delibera propone di rifinanziare con 1 milione e 107 mila euro il completamento del crematorio, reintegrando la cifra originariamente destinata a questa opera e nel frattempo ridottasi a 400mila euro. La delibera, che su proposta del Segretario Generale sarà inviata anche all’Autorità Anticorruzione per un parere (non vincolante, è stato sottolineato) in merito ad un eventuale precontenzioso, prevede che i lavori siano svolti dalla stessa ditta affidataria dell’appalto del 2009 la quale si è impegnata a svolgerli alle condizioni economiche del 2010 e a non completare l’intervento presso il Fondo Zevola che, nel frattempo, come risulta da rilievi effettuati, non necessita di ulteriori lavori di consolidamento. Il presidente della Commissione Trasparenza Santoro, nel concludere la riunione, raccogliendo l’invito dei consiglieri Parisi e Grimaldi, ha invitato il dirigente a tenere informata la Commissione sugli sviluppi futuri, ed ha auspicato che, chiarite ulteriormente le attuali condizioni del Fondo Zevola, si possa completare in tempi brevi un’opera così importante per la cittadinanza.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.