5 dicembre 2016

Di Battista: “Dov’è la nostra guerra?”

Alessandro Di Battista, deputato del Movimento 5 Stelle, ospite alla trasmissione "Le invasioni barbariche" condotta da Daria Bignardi su La7, Milano, 31 gennaio 2014. ANSA / MATTEO BAZZI

Dov’è la nostra guerra? In Siria, Iraq, Afghanistan? E’ in Libia? Le chiamano missioni di pace ma si tratta di missili che esplodono, bombe sganciate, morti, mutilati. Bambini che restano orfani. Odore di carne e sangue.

Cambiano il nome ad ogni cosa per farcele digerire. Gli inceneritori li chiamano termo-valorizzatori, l’illegale finanziamento pubblico ai partiti diventa rimborso elettorale, la TROIKA “Istituzioni”.I bombardieri F35 li definiscono “strumenti di difesa”, chi lavora esclusivamente nell’interesse del popolo viene definito populista e le guerre di invasione diventano missione di pace.

Ma dov’è la nostra guerra? La guerra ce l’abbiamo in casa. Si chiama cancro, corruzione. Si chiama mafia, voto di scambio. La guerra da combattere è quella contro il malaffare, contro l’inquinamento che uccide il futuro a Taranto, nella Terra dei Fuochi, a Brescia.

La manipolazione semantica è la prima arma che utilizza un sistema che vuole auto-conservarsi e il primo atto rivoluzionario di un cittadino sovrano è aprire gli occhi. Basta aprire gli occhi per non vederli più!

P.S. SAB 19 (sabato prossimo) alle 17.00 sarò a Penne (Pescara). Alle 19.00 a Pescara in Villa Sabucchi.
Così sulla sua pagina Facebook

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.