8 dicembre 2016

Bracciano – Il 18 settembre il Museo dedicato alla memoria di Khaled al-Asaad

Il 18 settembre, ad un mese dal barbaro omicidio a Palmira da parte dello Stato Islamico il Museo civico di Bracciano e molti altri musei del Lazio saranno intitolati alla memoria di Khaled al-Asaad, per ricordare il suo prezioso lavoro, il suo sacrificio e per dire no al terrorismo e alla violenza.

L’archeologo ottantaduenne Khaled al-Asaad, che per oltre quarant’anni è stato responsabile del sito archeologico di Palmira, è rimasto nella città conquistata – antica città romana situata al centro della Siria, citata già nella Bibbia e dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’Umanità- nonostante tutti lo avessero consigliato di lasciarla.

Prima che la città venisse conquistata dallo Stato Islamico a maggio scorso è riuscito a nascondere centinaia di statue e di importanti reperti romani in luogo sicuro. Per questo Khaled al-Asaad è stato catturato e torturato da esponenti dello Stato Islamico, che invano hanno cercato di fargli dire dove avesse nascosto i reperti.

Il 18 agosto scorso l’archeologo è stato barbaramente ucciso a Palmira e le sue spoglie sono state appese a un palo.

I musei del Lazio, con la intitolazione alla sua figura nella giornata del 18 settembre, vogliono offrire il loro contributo partecipato e attivo ed essere protagonisti di iniziative che incoraggino il dibattito, rafforzino l’opposizione alle guerre.

La morte di Khaled al-Asaad rende l’idea della sua vita, della sua dedizione, del suo modo di lavorare.
Colpire la cultura e la memoria storica è la vera negazione della civiltà umana, significa negare alle generazioni future la possibilità di essere popoli pensanti e civili.

Il grande professore siriano, vittima dell’odio e della follia, ha liberamente scelto di opporsi per proteggere il patrimonio culturale ed artistico per il quale ha speso la sua esistenza, sapendo bene che non avrebbe avuto nessuna speranza di salvezza.

L’Amministrazione comunale di Bracciano, aderendo – con la delibera 309/2015 – all’iniziativa, vuole onorare lo studioso ed esprimere solidarietà ai popoli musulmani di Siria ed Iraq che vedono saccheggiate le loro città, distrutta l’arte locale, messo a rischio il loro futuro. Una adesione per dire no alla violenza e stringere in un simbolico abbraccio Khaled al-Asaad.

L’archeologo Khaked al-Asaad (1932-2015), di fede musulmana, è stato per oltre quarant’anni direttore generale delle antichità e dei musei di Palmira. Grazie ai risultati dei suoi studi, compiuti insieme a colleghi di altri Paesi, l’UNESCO nel 1980 ha riconosciuto il sito Patrimonio dell’Umanità. Per il suo contributo allo studio su Palmira il professore è stato insignito di diverse onorificenze internazionali.

Aderiscono all’iniziativa

Acquapendente – Musei Civici

Albano – Musei Civici

Anguillara Sabazia – Museo della Civiltà Contadina

Amatrice – Museo Cola Filotesio

Anzio – Museo Civico Archeologico

Aquino – Museo della Città

Atina – Museo Archeologico

Bassano – Museo delle Scritture

Bracciano – Museo Civico

Calcata – Museo “Opera Bosco”

Frascati – Museo Tuscolano Scuderie Aldobrandini

Grotte di Castro – Museo “Civita”

Itri – Museo del Brigantaggio

Latera – Museo della Terra

Marino – Museo Civico

Montopoli in Sabina – Modern Automata Museum

Monte Porzio Catone – Polo Museale

Nepi – Museo Archeologico

Norma – Museo Archeologico

Pomezia – Museo Archeologico “Lavinium”

Rieti – Museo Civico

Riofreddo – Museo delle Culture di Villa Garibaldi

Roccagorga – Etno Museo dei Monti Lepini

Rocca di Cave – Museo geo-paleontologico “Ardito Desio”

Roviano – Museo della Civiltà Contadina

Santa Marinella – Museo del Mare e della Navigazione antica di Santa Severa

Segni – Museo Archeologico

Sora – Museo Civico della Media Valle del Liri

Valmontone – Museo Civico

Sistema Museale dei Castelli Romani e Prenestini

Sistema Museale del Lago di Bolsena

Sistema Territoriale dei Monti Lepini

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.