10 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Garcia: “Giocare al massimo per battere il Frosinone”

Nella partita contro il Frosinone, “la Roma dovrà giocare al 100% e su ritmi alti come contro la Juventus”. Non ha dubbi Rudi Garcia che, nella consueta conferenza alla vigilia della partita allo stadio Matusa, ha tenuto a sottolineare come l’impegno contro i gialloblu vada affrontato con il massimo della concentrazione e dando il meglio sul campo.

È stato difficile preparare questa partita contro il Frosinone pochi giorni prima della sfida di Champions League contro il Barcellona?
“No, al contrario è stato facile, pensiamo solo al Frosinone che ha ampiamente meritato di arrivare in Serie A TIM. Ho guardato le immagini dell’anno scorso, hanno conquistato la promozione sul campo e meritano rispetto. La Roma dovrà giocare al 100% e su ritmi alti come contro la Juventus: solo così possiamo sperare di prendere i 3 punti. Loro avranno entusiasmo, il contesto sarà particolare ma chiunque sarà in campo dovrà concentrarsi solo sul dare il meglio di se stesso per la squadra”.

È previsto qualche cambiamento di modulo?
“È tutto possibile. Possiamo tenere lo stesso modulo ma anche cambiarlo. I giocatori che sono con me da due stagioni sanno cosa fare sia con un modulo che con un altro a centrocampo e in attacco, mentre in difesa non cambiamo quasi mai. Il mio obiettivo è dare soluzioni tattiche ai ragazzi e tenerle pronte per l’inizio della gara. Attenderò domani, un’ora e mezza prima della partita, per dire chi gioca, così saranno tutti pronti. Per me non c’è una squadra tipo: ho una rosa di 25 giocatori e sono tutti importanti. Arriveranno 7 gare in 22 giorni e avrò bisogno di ognuno di loro per ottenere quello che vogliamo: i 3 punti”.

Per le sue caratteristiche Pjanic è uno dei giocatori più difficili da sostituire: è vero che c’è una Roma con il centrocampista bosniaco e una diversa senza di lui?
“Non mi lamento mai di chi non c’è. Chi non può giocare non gioca e io lo devo sostituire oppure cambiare modulo di gioco: o teniamo lo stesso con Džeko o Totti, oppure lo cambiamo e giochiamo con entrambi. L’importante è che i giocatori siano pronti e sappiano cosa fare in ogni caso”.

Dal punto di vista tattico, di cosa c’è bisogno per poter schierare Totti e Džeko contemporaneamente?
“Si parla sempre di equilibrio di squadra, ma con qualsiasi modulo, la filosofia di gioco e l’atteggiamento devono restare gli stessi. Sul campo ci sono giocatori che hanno delle relazioni ottimali: penso a Totti e Gervinho, o Lucas Digne e Iago Falque e queste cose vanno sfruttate in campo per dare più forza e soluzioni alla squadra. Se giochiamo con i due in attacco va valutato se questi vengono schierati come due punte o come un trequartista e una punta. Tutte queste riflessioni fanno parte del lavoro sul campo durante la settimana”.

A mercato chiuso è totalmente soddisfatto della rosa o si aspettava qualcosa di più?
“Sono sempre contento della mia rosa, il mio compito è di fare il meglio con gli uomini a disposizione. Se manca qualcosa in qualche reparto devo cercare in rosa un giocatore in grado di svolgere più ruoli con la stessa qualità. Florenzi è uno di questi e anche De Rossi ha dimostrato lo stesso contro la Juventus. Ci sono tanti giocatori arrivati da poco: è normale dare del tempo ai nuovi per adattarsi alla squadra”.

www.asroma.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5991 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.