8 dicembre 2016

EuroBasket 2015. Domani Italia-Israele a Lille

Lille. “Win or go home”. Dopo la prima fase di Berlino, gli Azzurri affronteranno Israele in un match senza ritorno. Il nuovo regolamento FIBA per l’EuroBasket prevede infatti gare a eliminazione diretta negli ottavi di finale. Un crocevia fondamentale per cercare di entrare nelle prime otto formazioni del continente e continuare il percorso verso i Giochi Olimpici di Rio 2016. Le finaliste dell’EuroBasket andranno direttamente all’Olimpiade mentre le squadre classificate dal 3° al 7° posto disputeranno un torneo pre-Olimpico.
La partita sarà trasmessa in diretta su Sky Sport 3 HD alle 18.30.

“Israele è una squadra che gioca una pallacanestro particolare – spiega il CT Simone Pianigiani – diversa, di grande corsa e grande transizione. Il movimento continuo in attacco di uomini e palla crea situazioni anomale che ti fanno impazzire. Difensivamente, come da tradizione, mescolano e cambiano molto tenendo l’area sempre piena. E’ uno stile di gioco chiaro e diverso che nessuno è abituato a fronteggiare. E’ una squadra che ti fa aprire l’area e non ti da punti di riferimento”.

Gli israeliani, allenati da coach Edelshtein, hanno chiuso al secondo posto dietro la Francia il girone di Montpellier con tre vittorie (Russia, Finlandia e Polonia) e due sconfitte (Bosnia Erzegovina e Francia). Il miglior marcatore israeliano al momento è Omri Casspi, futuro compagno di Belinelli ai Sacramento Kings, con 74 punti totali (18.5 di media con 4 partite giocate). Dietro di lui, le bocche da fuoco si chiamano Gal Mekel (59, 14.8 + 5 assist di media) e Lior Eliyahu (56, 14). Il miglior risultato di sempre in un Europeo per Israele rimane il secondo posto del 1979, quando Mickey Berkowitz guidò la squadra in finale, poi persa contro l’Unione Sovietica (98-76).

I punti di forza di Israele nelle parole di coach Luca Dalmonte

Area
Israele è la squadra che ha, in tutto l’Europeo, più conclusioni da due. Il 70% dei tiri/punti da due li costruiscono dentro la cosiddetta “area pitturata”.
Contropiede, tagli back door, post basso e penetrazioni al ferro degli esterni sono le fonti principali che costruiscono il target offensivo israeliano. Dovremo negare tiri/punti da due in modo specifico dentro l’area sarà l’obiettivo primario della nostra partita.

Uno contro uno
Importante per tutti contro tutti. Decisiva sarà la responsabilità individuale contro Mekel, Casspi ed Eliyahu, perché in tutte le voci la somma dei tre costituisce il 75% dell’attacco israeliano. Da monitorare l’impatto panchina di Ohayon, giocatore di primissimo livello come esperienza europea di club, e Fisher per l’apporto di tutto ciò che è gioco interno.

Difesa
Storicamente Israele propone cambi sistematici su ogni pick&roll (eccetto i minuti in cui gioca Fisher) e difese molto zonate capaci di collassare l’area garantendo rotazioni in continuità. Sarà importante la nostra capacità di leggere le varie possibili difese che Israele può proporre con/senza Fisher), senza che le differenti proposte rompano il nostro senso e ritmo offensivo.
Altrettanto importante come riusciremo ad ampliare il campo garantendoci spaziature larghe e un ritmo di passaggi per rispondere alle loro rotazioni.

Israele

#5 Dagan Yivzori (’85, 190, G, Maccabi Tel-Aviv)
#6 Shawn Dawson (’93, 195, G, Maccabi Rishon-Lezion)
#7 Gal Mekel (’88, 190, P/G, Stella Rossa Belgrado – SRB)
#8 Lior Eliyahu (’85, 203, A, Hapoel Gerusalemme)
#9 Omri Casspi (’88, 204, A, Sacramento Kings – NBA)
#10 Raviv Limonad (’84, 191, P/G, Hapoel Tel-Aviv)
#11 Elishay Kadir (’87, 202, A, Hapoel Eilat)
#12 Yogev Ohayon (’87, 191, P/G, Maccabi Tel-Aviv)
#14 Yaniv Green (’80, 204, C, Hapoel Gerusalemme)
#15 D’or Fisher (’81, 211, C, Hapoel Gerusalemme)
#16 Boris Rothbart (’86, 217, C, Hapoel Tel-Aviv)
#23 Bar Timor (’92, 191, P/G, Hapoel Gerusalemme)

All: Erez Edelshtein
Ass: Lior Lubin, Alon Stein

I precedenti contro Israele

38 partite giocate (29 vinte/9 perse)
18 partite giocate nelle fasi finali del Campionato Europeo (15 vinte/3 perse)
La prima: Campionato Europeo, 29 maggio 1953 (Mosca, Russia), Italia-Israele 42-47
L’ultima: Amichevole, 18 agosto 2013 (Anversa, Belgio), Italia-Israele 74-78
La vittoria più larga: Amichevole, 21 agosto 1971 (Pesaro), Italia-Israele 123-81 (+42)
La sconfitta più pesante: Amichevole, 27 maggio 1978 (Tel Aviv, Israele), Israele-Italia 98-84 (-14)

Tutte le gare di Israele nella prima fase

Israele-Russia 76-73 (18-21, 11-18, 21-10, 26-24)
Israele: Yivzori 4, Dawson 1, Mekel 13, Eliyahu 16, Casspi 21, Limonad 12, Kadir 7, Ohayon 2, Green, Fischer, Rothbart ne, Timor ne. All: Edelshtein
Russia: Zubkov 12, Baburin ne, Pateev 2, Fridzon 9, Vyaltsev 5, Antonov 6, Monya 7, Khvostov 15, Ponkrashov, Vorontsevich 15, Desyatnikov ne, Kurbanov 2. All: Pashutin

Israele-Finlandia 79-66 (25-13, 21-18, 16-23, 17-12)
Israele: Yivzori 6, Dawson, Mekel 14, Eliyahu 22, Casspi 10, Limonad 5, Kadir 2, Ohayon 13, Green ne, Fischer 7, Rothbart ne, Timor ne. All: Edelshtein
Finlandia: Koivisto 2, Huff 5, Lee 5, Salin 13, Kotti, Koponen 3, Nuutinen 8, Kaunisto, Caven ne, Ahonen, Wilson 6, Murphy 24. All: Dettmann

Israele-Bosnia Erzegovina 84-86 (29-16, 16-19, 15-25, 15-15, 9-11)
Israele: Yivzori 2, Dawson 1, Mekel 14, Eliyahu 14, Casspi 29, Limonad 6, Kadir, Ohayon 6, Green, Fischer 12, Rothbart ne, Timor ne. All: Edelshtein
Bosnia Erzegovina: Pasalic 3, Buza ne, Stipanovic 16, Sutalo 12, Bavcic, Gordic 22, Kikanovic 17, Persic, Milosevic 2, Renfroe 12, Vrbac, Albijanic 2. All: Ivanovic

Israele-Polonia 75-73 (22-24, 13-8, 16-18, 24-23)
Israele: Yivzori, Dawson, Mekel 18, Eliyahu 4, Casspi 14, Limonad 9, Kadir 8, Ohayon 7, Green, Fischer 15, Rothbart ne, Timor ne. All: Edelshtein
Polonia: Czyz, Cel 6, Slaughter 9, Kulig 13, Ponitka 6, Waczynski 13, Gortat 11, Koszarek 4, Zamojski 5, Karnowsi 4, Gruszecki 2, Skibniewski ne. All: Taylor

Israele-Francia 61-86 (10-22, 17-16, 21-24, 13-24)
Israele: Yivzori 4, Dawson 11, Mekel ne, Eliyahu ne, Casspi ne, Limonad 13, Kadir 8, Ohayon 2, Green, Fischer 3, Rothbart 11, Timor 9. All: Edelshtein
Francia: Westermann 8, Batum 8, Lauvergne 14, Kahudi 5, Parker, Fournier 12, Pietrus 3, De Colo 5, Diaw 4, Gelabale 10, Gobert 15, Jaiteh 2. All: Collet

La classifica finale del gruppo A

Francia 5/0 (407/335)
Israele 3/2 (375/384)
Polonia 3/2 (367/352)
Finlandia 2/3 (387/392)
Russia 1/4 (379/374)
Bosnia Erzegovina 1/4 (324/402)

Ufficio Stampa Fip

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.