5 dicembre 2016

Disabili, Mattarella: “Basta inerzia, abbattere le barriere architettoniche”

È ora che l’Italia si impegni per “abbattere le barriere architettoniche” che impediscono ai disabili di fruire di ogni esperienza di vita al pari di tutti. Lo chiede il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, parlando in occasione della festa che si sta tenendo nella tenuta presidenziale di Castelporziano, che quest’estate ha ospitato circa 500 disabili che hanno potuto godere del mare e della natura che la riserva offre.

Di fronte a mille tra disabili e loro parenti, Mattarella dice: “Sono io che ringrazio voi per aver portato qui calore, allegria e gioia. Una condizione di vita che ha reso questa tenuta più preziosa. Lo rifaremo anche l’anno prossimo, anche meglio. L’attenzione e l’impegno che ci abbiamo messo, un piccolo sforzo, mi fa riflettere: non è così difficile abbattere le barriere architettoniche e gli ostacoli che impediscono la fruizione di ogni cosa a tutti”. Mattarella rivolge un invito: “Si può fare, le barriere si possono abbattere. Forse le barriere più difficili da abbattere sono quelle della nostra mentalità: l’inerzia, la pigrizia di non voler affrontare i problemi, il non volersi aprire e non voler accogliere”. Il capo dello Stato chiede che “questa esperienza rappresenti una indicazione per tutti, affinché ci si impegni di più per fare quello che qui si è fatto in poco tempo. Questa esperienza ha portato allegria, ci vuole allegria e qui ce n’è tanta”.

ADDIO PROTOCOLLO, MATTARELLA ‘ASSEDIATO’ DAGLI ABBRACCI – Alla fine c’è voluta la security del Quirinale per arginare l’ondata di affetto che ha travolto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, assediato da sorrisi, strette di mano e l’abbraccio di qualcuno più audace. Una scena piuttosto inedita quella accaduta a Castelporziano. Ci sono mille tra disabili e parenti in platea, mentre sul prato di fronte alle autorità sfilano alcuni reparti dei Carabinieri: quello cinofilo; la banda a cavallo. Ci sono anche cinque paracadutisti che si lanciano da un elicottero e atterrano di fronte al palco dove suonano i Ladri di carrozzelle, una band composta da portatori di handicap. Mattarella siede in prima fila, tra alcuni ragazzi disabili. Nei posti vicini ci sono il sindaco di Roma Ignazio Marino, il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, la presidente della Camera Laura Boldrini. Tra gli spettatori qualcuno si alza e si avvicina al presidente della Repubblica. Non c’è protocollo: chi chiede una foto, chi un autografo, chi lo ringrazia per l’ospitalità offerta a Castelporziano. Passano i minuti e si crea una sfilata numerosa: Mattarella si concede a tutti e in tanti prendono coraggio e lo vanno a salutare. Dopo un po’, appunto, si avvicinano le guardie del corpo, forse colte di sprovvista da tanta folla. Gli abbracci però non finiscono, proseguono solamente più ordinati.
Fonte: agenzia dire www.dire.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.