9 dicembre 2016

Roma – Commissione Spending: “Il comune spreca 2 milioni pe la politica degli sgomberi”

“Dopo ogni intervento, tutti i cittadini possono constatare che basta aspettare pochi giorni per vedere che gli insediamenti sgomberati ricompaiono tali e quali a quelli di prima. Questa politica priva di visione strategica costa all’Amministrazione oltre 2 milioni di euro all’anno. Per le attività svolte della polizia di Roma Capitale, alla quale riconosciamo il grande lavoro svolto, possiamo stimare un costo del servizio, per il personale e per l’impiego di pattuglie e mezzi, di almeno 800 mila euro l’anno, invece per la raccolta e lo smaltimento di tutti i materiali accumulati nelle aree occupate, ogni intervento può costare da poche migliaia di euro fino ad oltre 100 mila euro. Dunque, dal 2010 ad oggi, Roma Capitale si è vista fatturare da AMA circa 700 mila euro. Per finire con la bonifica degli insediamenti abusivi sgomberati, dai materiali tossici rimasti sul terreno, che ci costa ogni anno, più di 600 mila euro. Ieri in Commissione abbiamo appreso che negli ultimi 5 anni sono stati effettuati tra i 26 ed i 43 sgomberi l’anno, impiegando forze dell’ordine con una consistenza, per ogni operazione, da un minimo di 15 a un massimo di 60 uomini. Sono stati effettuati, mediamente, più di 100 controlli/sopralluoghi l’anno. Sappiamo come Roma sia diventata la capitale degli insediamenti abusivi. Nessun sindaco è riuscito a risolvere il problema (o non ha voluto farlo?) e l’unica politica messa in atto da tutti è stata quella degli sgomberi. Una politica certamente inevitabile nel breve periodo, perché se non si interviene immediatamente, gli insediamenti diventano sempre più grandi, ma altrettanto inutile oltre che costosa nel lungo periodo.”