10 dicembre 2016

La chimera del diritto allo studio

Tra i più importanti diritti umani c’è quello allo studio. Sancito dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, ribadito dalla Convenzione Onu sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, è un diritto riconosciuto anche dalla nostra carta costituzionale. L’articolo 34, infatti, stabilisce che ogni cittadino italiano ha il diritto di ricevere un’istruzione. Addirittura, a rafforzamento di questo fondamentale diritto, c’è l’obbligo scolastico e lo stato deve garantire tale diritto.

Oggi, però, questo inalienabile diritto trova sempre meno tutela e attuazione e a farne le spese sono le fasce più deboli della società; per intenderci, quelle che non possono permettersi l’accesso all’istruzione privata o a quella universitaria. L’attuale premier, tra un annuncio di nuovi fondi per l’edilizia scolastica e un tweet sull’assunzione di precari, afferma che finalmente in Italia c’è una buona scuola. I fatti dicono, però, tutt’altro.

Tra pochi giorni inizierà il nuovo anno scolastico; peccato che i problemi vecchi sono ancora presenti nelle aule degli studenti, da quelle delle elementari a quelle universitarie.

Un bimbo deve andare in bagno? Non deve dimenticare la madre di dargli la carta igienica casalinga, perché quella scolastica non c’è.

L’insegnante deve illustrare una lezione sulla lavagna? Il gesso deve comprarlo in una cartoleria a sue spese, perché dal ministero non arrivano scorte sufficienti. Si rompe una sedia? Fa nulla, tanto da casa puoi portarne un’altra.

Sei uno studente disabile? Occhio alle barriere architettoniche che ancora oggi negano il libero accesso in tanti edifici tempi della cultura. Ricordate la figura del bidello? Oggi è un’entità astratta presente sulla carta ma assente quando si tratta di risolvere un problema. Insegnanti di sostegno? Un sostegno sempre per meno studenti.

Secondo voi dalla tragedia di San Giuliano di Puglia ad oggi cosa è cambiato fattivamente negli edifici per resistere ai terremoti? Ancora oggi le cartelle di chi frequenta la scuola dell’obbligo sono simili agli zaini utilizzati degli sherpa; possibile che per tutelare gli interessi degli editori (quelli che per un cambio di una pagina in un testo ne aumentano di anno in anno il prezzo) non entra nelle classi il libro digitale?

Vogliamo parlare delle motivazioni dei professori, umiliati, a mio parere, con una riforma che riporta indietro di un secolo la scuola? Oggi, non ieri, in Sicilia la dispersione scolastica tocca punte del 25%.

Se vi dico la parola “baroni” vi viene in mente un nobile o un professore universitario? Che dire, poi, del libero accesso ai meritevoli e più bravi, alla carriera universitaria? Così libero, che i migliori sono costretti ad andare all’estero per esprimere i propri talenti.

Mi spiegate che istruzione può garantire un padre di famiglia con moglie casalinga, due figli a carico e 1.200 euro di stipendio? In quella famiglia l’unica università conosciuta è quella sognata; non parlatemi di borse di studio perché non bastano neanche a coprire un decimo degli aventi diritto.

Tra rette elevate, libri che, visti i prezzi, sembrano stampati su fogli d’oro, professori che si conoscono solo quando si presenta il libretto per farlo firmare dopo aver sostenuto l’esame, raccomandate/i che non sanno scrivere neanche “qual è?” ma pretendono di insegnare la filosofia, tra studenti somari figli degli amici che tolgono gli spazi a quelli bravi figli di madri e padri onesti, l’università oggi è diventata un parcheggio costosissimo anti camera della disoccupazione e del precariato a basso reddito e zero diritti.

Una volta un figlio di un amico mi chiese a cosa servivano i tanti sacrifici fatti sui libri e nei bilanci familiari per studiare, se dopo la qualità dell’istruzione ricevuta è stata insufficiente e non propedeutica al mondo del lavoro? Gli risposi che la cultura rende liberi e che solo i liberi possono lottare per migliorare la società nella quale vivono; gli dissi, poi, che la sua esperienza poteva essere un motivo per spendersi nelle battaglie contro i tagli all’istruzione.

I tagli…..se lo stato taglia i fondi da destinare all’istruzione taglia il futuro di gran parte dei suoi cittadini. Solo chi sarà ricco potrà accedere agli studi; i poveri, anche se dotati di menti illuminate, saranno costretti a vivere di rimpianti. Secondo voi se le menti più illuminate non potranno acculturarsi, che classe dirigente avrà il nostro paese?

Dietro a tante annunciazioni arroganti vedo un disegno che ci vuole più ignoranti e senza titoli. L’istruzione, di questo passo, diventerà un privilegio per pochi.

Così si bloccherà anche l’ascensore sociale che ha permesso ai figli di contadini di diventare ingegneri che tutto il mondo ci invidia.

Soprattutto un cittadino senza cultura è un cittadino con delle catene invisibili che lo rendono schiavo del sistema che lo vuole ignorante.

Solo gli ignoranti non possono ribellarsi per ottenere un futuro migliore, solo gli ignoranti possono accettare la precarizzazione della propria esistenza, solo gli ignoranti possono accettare dieci miliardi di tagli alla sanità, solo gli ignoranti accettano riforme dove chi siederà in parlamento non sarà eletto dal popolo ma catapultato dall’alto, solo gli ignoranti ignoreranno quali saranno i propri diritti e doveri, anche quelli di chi li governerà.

L’ignoranza porta alla deprivazione culturale, economica e sociale.

Cari politici di professione non dimenticate che l’istruzione è un diritto di tutti e che tale dovrà rimanere.

Cari concittadini spetterà a noi vigilare in merito e far valere i nostri diritti.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.