8 dicembre 2016

Grande successo del manager Giovanni Moscherini in Sicilia

L’ex presidente dell’Autorità Portuale di Civitavecchia, nonché ex primo  cittadino della stessa, Giovanni Moscherini, è da poco più di un anno  amministratore delegato nonché presidente della società “marina di Balestrate”. Ieri, dopo oltre tredici anni, lo storico accordo tra la società e la Regione Sicilia per la realizzazione del porto turistico (oltre 600 posti barca).

“Dopo un lunghissimo iter amministrativo iniziato nel 2003, più volte interrotto a causa anche di vicende giudiziarie, oggi (ieri,ndr) è stato sottoscritto, tra il Dipartimento regionale dell’Ambiente e il presidente della società marina di Balestrate, Giovanni Moscherini, l’atto di concessione demaniale per l’affidamento in gestione del porto turistico di Balestrate. La concessione sarà registrata nei prossimi giorni e a seguire verranno consegnate le aree disponibili per l’inizio dell’attività”. Lo afferma Maurizio Croce, assessore regionale al Territorio e Ambiente della Regione Sicilia.

L’atto di consegna avverrà il 28 settembre prossimo al comune di Balestrate alle ore 10 con una cerimonia pubblica in presenza delle massime autorità civili, militari e religiose. “A conclusione del complesso iter, riconosco che solo grazie all’impegno del Dipartimento regionale dell’Ambiente e del suo direttore generale, Maurizio Pirillo, è stata sbloccata una grande opera portuale che consentirà lo sviluppo di una delle più importanti marinerie della Sicilia”, conclude Croce.

“Sono soddisfatto – afferma Moscherini – perché finalmente Balestrate avrà il suo porto turistico. Un importantissimo investimento economico che permetterà un forte sviluppo anche al paese di Balestrate. Ringrazio il Governatore Rosario Crocetta, l’assessore Maurizio Croce, il dottor Maurizio Pirillo e tutti coloro che si sono adoperati per superare le mille difficoltà incontrate fino ad oggi”.

“Questo – conclude Moscherini – è il primo vero atto formale che darà vita ad uno degli investimenti economici, in ambito portuale, più importanti dell’ultimo decennio in Sicilia”.